Non sono tutti uguali

Ci ho pensato un po’, e alla fine ho deciso di scrivere qualcosa sulla polemica di questi giorni scatenata su twitter dalle parole usate della conduttrice Nadia Toffa per annunciare l’uscita di un suo libro: “vi spiego come sono riuscita a trasformare quello che tutti considerano una sfiga, il cancro, in un dono, un’occasione, un’opportunità. Pieno d’amore.”

Una come me, che per tanti anni, attraverso questo blog, il portale collettivo Oltreilcancro e due libri, ha raccontato la malattia, la guarigione, intrecciato relazioni con altre donne per sconfiggere il tabù del silenzio legato al cancro, figuriamoci se non solidarizza con tutte le persone che scelgono di raccontare, esporsi, incoraggiare a infrangere lo stigma.

E quindi brava Nadia, e in bocca al lupo per il libro, ma soprattutto per te, per la tua salute e per la tua nuova vita.

Però proprio tu che sei una donna più esposta di altre, conosciuta, seguita e giustamente apprezzata anche per il modo in cui hai affrontato la malattia, la tua malattia, il tuo cancro, devi sapere che le parole, soprattutto se contratte nello spazio limitato di un tweet possono diventare pesanti, sbagliate, offensive, quando invece l’intenzione, lo capisco davvero, magari era solo quello di trasmettere un messaggio positivo, incoraggiante.

Perché no, i tumori non sono tutti uguali, come scrivi in risposta ai primi commenti perplessi, non è vero che se ce l’hai fatta tu allora ce la possono fare tutti, non è vero che basta curarsi, controllarsi, e metterci tutta l’energia positiva possibile per guarire.

Succede. A me è successo. Dopo quasi vent’anni dal primo cancro al seno, e tredici dalla scoperta delle sue metastasi, posso dirlo.

E tante volte ho incoraggiato altri a combattere con determinazione quella che definivo una battaglia (non una guerra, attenzione) anche quando le forze in campo erano drammaticamente impari. L’ho fatto con le mie amiche blogger che non ci sono più, Anna e Anna Lisa, l’ho fatto con mio padre, l’ho fatto con l’amica/sorella Silvia. Assenze che ora pesano troppo per lasciar correre riflessioni così leggere.

Certo che l’atteggiamento positivo aiuta a guarire. Qualunque malattia peggiora se il nostro stato d’animo è negativo. Il mio oncologo parlava sempre di concause quando tentavo di estorcergli parole definitive sulle cause del cancro. Sono convinta che molto dipenda da quello che ci accade dentro, traumi, stress, depressione. Ma il processo inverso è più complicato, e non dobbiamo colpevolizzarci se non riusciamo a governare la nostra mente al punto da rendere sempre reversibile il processo della malattia. Per fortuna in questo ci aiuta la medicina, la scienza, un sistema sanitario che permette anche a chi è più povero di ricevere le cure più avanzate. Anche questo però, certe volte, non basta.

Ho letto la sofferenza nei molti commenti di chi non può sentir definire una malattia che può uccidere e uccide “un dono”. Poi, purtroppo, c’è sempre chi esagera e insulta, senza nemmeno provare a comprendere che cosa significhi vivere con il cancro, con le terapie che sembrano più cattive del male, con la fatica, sostenuta però dal desiderio di ricominciare un’esistenza nuova, arricchita per certi versi (da qui, lo capisco, l’origine del tuo trasformare in dono), depauperata per altri.

Viviamo in tempi in cui la comunicazione può cannibalizzare il pensiero vomitando a singhiozzo paure, rabbia, meschinità, odio vero.

Per questo non ho affidato le mie riflessioni a twitter (riflessione e twitter probabilmente non sono termini compatibili), ma qui, nel mio vecchio blog, dove le parole si assestano con il tempo, i ricordi e le storie vissute.

Annunci

2 Responses to “Non sono tutti uguali”


  1. 1 yourcenar11 2 ottobre 2018 alle 17:11

    Anch’io avrei voluto esprimermi, ma proprio in questi giorni l’astenia è talmente profonda che mi costringe a stare a riposo in poltrona (dato che il letto mi fa sprofondare nella depressione). Niente Pc, le braccia si stancano a fare qualsiasi piccola cosa, anche tenere in mano il cellulare come ora. Sono contenta quindi che tu ti sia espressa, condivido in toto le tue riflessioni e apprezzo il tuo stile comunicativo. Non è facile, quando l’argomento ti tocca così profondamente.
    Ciao
    Cristina

  2. 2 Michela 2 ottobre 2018 alle 22:47

    Quello che hai scritto Giorgia è -come sempre- molto “giusto”, giusto nei toni, giusto nei contenuti…

    Le Iene non le guardo (vivo all’estero da 22 anni, disintossicata dalle reti di Berlusconi che non erano ritrasmesse fino a qualche anno fa) e Nadia Toffa non la conoscevo fino a quando é scoppiata la polemica a febbraio, e l’episodio mi aveva comunque infastidito (ne abbiamo disquisito con Romina sul suo blog, e io non ho il commento facile).

    La mia sensazione, personalissima, che viene dalla mia esperienza e storia “terapeutica” (e magari sbaglio completamente, ma non penso più’ di tanto, certi indizi mi sembrano fin troppo chiari) è che questa volta fosse in uno di quei momenti “high” post-cortisone, quando le idee vanno in tutti i sensi, i pensieri si accavallano e non dormi nonostante tu sia stravolta (ho ridipinto una stanza in una notte -2 mani, ci tengo a precisarlo- durante un periodo cosi, mio marito lo racconta ogni volta può) e che, esaltata dagli steroidi, non abbia misurato le parole e ancora meno le conseguenze.

    Ho letto la sua intervista successiva, il tentativo di spiegazione che unita alle gaffe sui vari social sembra ancor di più’ un tentativo maldestro di arrampicarsi sugli specchi; domenica per la prima volta in vita mia ho guardato persino una mezz’oretta delle Iene, umanamente sono e resto perplessa.

    E sono preoccupata per lei, per davvero, perché anche a me -come qualcuno ha scritto su twitter- ha dato l’impressione che si sforzi di essere gioiosa e positiva, ma che la realtà sia tutt’altra.

    E’ giusto parlarne, per certi versi è anche giusto sdrammatizzare ove e quando possibile, ma non così, purtroppo.
    Da li agli insulti e altre bassezze, pero’, ce ne passa…

    Un abbraccio,


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 186 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.
Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: