L’anno che finisce

Un altro anno si sta chiudendo, e ancora sono qui a scrivere il classico post di bilanci, propositi, auguri.

Per la mia vita personale il bilancio è decisamente in attivo, e posso considerare il 2014 un anno di recupero dopo un lungo periodo di crisi.

Ho ritrovato il senso e l’emozione di un amore dalle radici robuste e dalle foglie tenere, dai frutti noti e saporiti, di cui avere cura sempre.

Ho fatto conoscere in giro per l’Italia Scriverne fa bene, concludendo con quel libro la mia esperienza di “scrittrice di malattia”. Ancora fatico a trovare un’altra vena creativa, ma scrivere (mi) fa comunque bene e non serve nemmeno metterlo nei buoni propositi per l’anno che verrà. Scriverò, scriverò, e un giorno magari arriverà anche un romanzo. Un giorno. C’è ancora tempo.

Ho ricostruito quasi integralmente il mio seno quadrantectomizzato, colmando un vuoto del corpo che inevitabilmente si ripercuoteva anche nell’anima. Nel 2015 potrei metterci l’ultimo innesto, se davvero il tre è il numero perfetto.

Lula ha compiuto 17 anni, il nostro rapporto non è sempre facile, litighiamo, ci scontriamo, ma lei è la mia figlia amatissima, tra un anno maggiorenne. Eh già. Ma quando a Natale dopo uno sfogo durissimo ci siamo abbracciate forte, non avrei voluto smettere di stringerla a me, come fosse ancora una bambina. la mia piccola Lula, che di questo blog, per molto tempo, è stata la migliore protagonista.

Fuori dal mio orticello le cose vanno male, malissimo, e sicuramente i miei auguri più importanti vanno alle popolazioni colpite da guerre e dilaniate da conflitti, ai migranti in cerca di pace e sopravvivenza, a chi sta soffrendo per la perdita di una persona amata, a chi cerca lavoro perché lo ha perso, o non lo ha mai avuto, alle vittime di disastri evitabili e inevitabili, a chi resiste e va avanti con dignità e coraggio, senza lasciarsi incantare dalle sirene che hanno i denti affilati.

Questi ultimi giorni dell’anno sono stati rovinati dalla perdita di un anello a cui tenevo molto, un regalo recente di Sten. Lo mettevo quasi sempre e lo toglievo solo in casa, nella mia stanza, e se il detto che la casa nasconde ma non ruba dice il vero, casa mia l’ha nascosto benissimo.

Spero che il 2015 me lo restituisca.

E che restituisca a tutti voi almeno una cosa perduta.

 

 

 

Annunci

1 Response to “L’anno che finisce”


  1. 1 4p 4 gennaio 2015 alle 11:45

    Un bel post. Caldo e rasserenante.
    Sarà un luogo comune, ma quando si dice “l’amore fa miracoli” si dice al 90% il vero non trovi????
    Coi figli che dire è bello proprio perché varia, nelle sue manifestazioni più strane mai dare niente per scontato, loro sono un’altra cosa persone diverse da noi (in quanto genitore, qualche leggera somiglianza), ma siamo una cosa sola per il bene che proviamo e per la comprensione che solo verso i figli trovo sia così profondiSSSSSima.
    Buon anno Giorgia
    4p


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: