Sliding doors

Ve lo ricordate il film Sliding doors? Cosa sarebbe successo se la protagonista (Gwyneth Paltrow), dopo essere stata licenziata, non avesse perso il treno della metro, non avesse subito un tentato scippo aspettando il taxi, non si fosse ferita alla testa cadendo, non fosse stata accompagnata in ospedale per mettere qualche punto, non fosse quindi tornata sufficientemente tardi a casa da non beccare il suo fidanzato a letto con un’altra? La storia parallela che avrebbe vissuto Helen se le porte della metro non si fossero chiuse permettendole di entrare e incontrare James, scoprire il tradimento del suo fidanzato, e iniziare una nuova vita, un nuovo amore, un nuovo lavoro, sembrerebbe decisamente migliore, almeno fino alla fine del film. No, giusto, non posso raccontarvi come va a finire.

Il tema è il destino e il suo intrecciarsi con la casualità di eventi della vita che possono (sembrano?) modificarne il corso: una porta che si chiude troppo presto, un ostacolo che impedisce un incontro, un incontro favorito da un ostacolo, scoprire o non scoprire un tradimento, dimenticare qualcosa, trovare altro.

Per una come me, che spesso si lascia andare ai rimpianti, ai “se le cose fossero andate così”, questo film è confortante: il destino segue percorsi imprevedibili, talvolta davvero crudeli, e il caso sembra avere la meglio sulla nostra volontà. Eppure, alla fine, quello che deve accadere d’importante nella nostra vita accadrà comunque. Per caso e per necessità. 

Annunci

10 Responses to “Sliding doors”


  1. 1 wwayne 30 gennaio 2014 alle 00:02

    Se ti va di goderti un altro bel film con Gwyneth Paltrow, ti straconsiglio di vedere Two Lovers. Come ho spiegato in un post che ho scritto l’ anno scorso (http://wwayne.wordpress.com/2013/06/27/guardatelo/), si tratta di uno dei film più belli che abbia mai visto – e non lo vedo dall’ anno scorso, quindi non é un parere espresso a caldo.

  2. 4 luca borsari 30 gennaio 2014 alle 00:46

    Cara Giorgia sono perfettamente d’accordo. E’ un tema a cui penso spesso. Cosa sarebbe successo se….Eppure a volte è anche confortante vedere che c’è qualcosa di superiore che si muove sopra di noi non trovi? Un abbraccio americano a tutti
    Luca

  3. 6 ziacris1 30 gennaio 2014 alle 15:36

    Che bel post. E’ bello pensare che alla fine le biglie girano sempre per il verso giusto, anche se all’inizio tutto sembra remare contro

  4. 8 nennele 2 febbraio 2014 alle 18:25

    ciao..sono una nuova amica.. il tuo blog mi ha fatto tanta compagnia… in questi mesi dopo l’operazione al seno… la chemio e ora comincio la radio… spero davvero tu abbia ragione


  1. 1 cuisinart Trackback su 7 aprile 2015 alle 12:13

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 183 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: