La stanza tutta per me

Scrivo poco, qui. Anche se provo un irresistibile desiderio di ricominciare a raccontarmi giorno per giorno, come facevo un tempo, come ho fatto per molti anni, quando il blog era insieme una palestra dove praticare esercizi quotidiani di scrittura e una finestra che apriva il mio mondo agli altri. La mia vita e i miei pensieri sulle cose avevano attraversato il recinto che li confinava nel privato – un recinto di questi tempi sempre più limitato e valicabile – per offrirsi allo sguardo e al confronto pubblico. Mi rendo conto di quanto volessi essere e fossi trasparente, soprattutto quando mi rileggo a distanza di un tempo che un poco mi sgomenta, quasi dieci anni, e ritrovo frammenti di una me che si è costruita, rotta, ricostruita, insieme alle parole che sceglievo di usare per dire: ecco, mi è successo questo e quest’altro, nella mia esistenza, in quella della mia famiglia, o del mio Paese, e pure del mondo intero. Qui dentro ci sono quasi dieci anni della mia vita, nel bene e nel male, con molte omissioni, certo, soprattutto di recente.  Ieri pensavo che forse dovrei disattivare per un po’ l’account di Facebook. C’è troppa confusione, troppe distrazioni, troppe tentazioni. Però no, non posso, non voglio. Dovrei solo imparare a disciplinarmi, a chiudere quella porta e aprirla solo di tanto in tanto. E restare più tempo qui, a casa mia, questo blog è la mia “stanza tutta per me”, a raccontare e a raccontarmi in silenzio e solitudine, perché in silenzio e in solitudine si pensa e si scrive. Ci si prepara al dialogo con chi, da qualche parte, inciampa in queste parole, o le cerca. Le trova.

 

Annunci

1 Response to “La stanza tutta per me”


  1. 1 4p 20 gennaio 2014 alle 10:07

    Mia cara Giorgia, non ho facebook e quindi quando tu vorrai io sarò qui in questa casetta silenziosa ad aspettarti, sono inciampata tempo fa tra le parole di questo blog e le cerco ancora, perchè quelle che avevo trovato mi son GARBATE ASSAI!!!!!!!! Ahahahah!!!!!!!!
    Devo ordinare ancora il tu libro, questa sttimana vado alla Feltrinelli, perchè non ce l’avevano manco alla Mondadori e Rosie m’ha spiegato.
    Baci e forza scrivi scrivi!!!
    Pat


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 183 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: