Leggerezze della domenica

Considerazioni poco serie alla fine del fine settimana:

1. Prego chi ha il potere di farlo di abolire il Festival di Sanremo. O, se proprio volete tenerlo, di accogliere il suggerimento di Concita De Gregorio (oggi su Repubblica) per l’anno prossimo: che lo presenti Geppi Cucciari, accompagnata da due valletti maschi, possibilmente nudi. Non ditemi che se non mi piace basta non vederlo. No, no. Ho provato a non vederlo, ma la finale del sabato sera a casa di amici in parte sono stata costretta a sorbirmela, comprensiva del sermone celentanese. E dato che è pagato anche con i soldi del mio canone, posso dire che basta, è ora di chiuderlo o rivoluzionarlo.

2. Non ero abituata a dover esultare per un 7- di Lula. Ma l’impatto con il latino e il greco è stato duro, il resto così così, tranne per una perla di 8 in italiano scritto, unica nella classe, che inorgoglisce mamma e papà. Lei poi è stata talmente felice per questo 7- comunicato telefonandomi ieri a ricreazione – che eri che è ricomparsa a casa alle sette e mezzo di sera – ne era uscita dodici ore prima – con due orecchini in meno (uno era con Che Guevara), indossando una camicia a scacchi di taglia decisamente maschile non sua, e ripetendo come un mantra “sette meno, sette meno, sette meno”.

3. Guardando il meraviglioso film Hugo Cabret  di Martin Scorsese ho pianto e starnutito in egual misura.

Annunci

14 Responses to “Leggerezze della domenica”


  1. 1 rita 20 febbraio 2012 alle 09:41

    Cara Giorgia, per quanto attiene al Festival ci sarebbe una lunga disquisizione da fare, ma credo che tanto (troppo) sia già stato detto, tra radio e Tv. Sintetizzando, il mio pensiero è che dovrebbe almeno rimanere il Festival della canzone, non quello delle “farfalline tatuate”, dei cu.i e delle te..e di fuori, non quello degli sproloqui e del c…i sempre “in bocca”: non sono bacchettona, ma ritengo che ogni cosa, come dire, debba stare al suo posto, e Sanremo quest’anno (per quel poco, poco, che ho visto…)ha ramazzato veramente di tutto!
    Complimentissimi a Lula: avercene di 7-! A casa nostra, la scuola è sempre stata un problema, ma grosso: quest’anno dovremmo avere la maturità (21 anni a ottobre e non un briciolo di vergogna!!!) ma non ci scommetterei un euro bucato!!! …e giù liti furibonde.
    Il film non lo conosco, ma se Ti ha suscitato commozione e…..allergia (!!!) insieme, deve essere quanto meno interessante! Un bacio cara

    • 2 Giorgia 21 febbraio 2012 alle 20:06

      Il film non mi ha suscitato allergia, anzi! Ero solo molto raffreddata 🙂
      Be’ in bocca al lupo in anticipo per la maturità di tuo figlio, dai, stavolta deve farcela. un bacio

  2. 3 4p 20 febbraio 2012 alle 13:58

    Quest’anno il festival l’ho visto tutte le sere, forse è la prima volta.
    Mi è piaciuta molto la serata di giovedì, dove gli ospiti erano tutti stranieri,
    Patty Smith in primis e il chitarrista dei Queen.
    A onor del vero del festival si può dire di tutto e di più, ogni anno mi pare sia sempre la stessa solfa il dopo festival.
    Le canzoni passabili direi, alcune solo per il contenuto, (per me Arisa e Finardi), musicalmente parlo di arrangiamento musicale per me nessuna degna di nota, per il mio semplicissimo gusto.
    Per quanto riguarda le varie esternazioni, monologhi, farfalline più, farfalline meno, niente di tutto questo, a me personalmente, ha dato qualcosa, che già non abbia visto in tv a tutte le ore e in ogni spettacolo.
    Fa parte di un gioco che è già prestabilito a tavolino.
    Ieri sera però mi sono riscattata, ho visto un gran bel film “I Miesrabili”.
    Bravissima Lula, il liceo è faticoso, c’è tanto da studiare e tu porti a casa degli ottimi risultati. Che belli gli orecchini!!!!!!!!!!!!
    Pat

  3. 5 ziacris 20 febbraio 2012 alle 15:50

    tutto normale, dall’allergia al Festival, che noi fortunatamente siamo riusciti ad evitare, sia l’esultanza per i voti di Lula,…dai che va bene così, ogni tanto un po’ di banale normalità fa bene, tanto bene

  4. 7 Onella 20 febbraio 2012 alle 21:04

    Il Festival mi provocherebbe un vero e proprio shock anafilattico per cui devo evitarlo assolutamente.
    Complimenti per il 7! Io e mio figlio in quarto ginnasio esultavamo anche per un 6– (a dire il vero lui esultava io avrei voluto ucciderlo!)

  5. 9 wolkerina 20 febbraio 2012 alle 22:04

    a me ha colpito molto l’immagine di Lula con una camicia maschile felice per il suo voto, mi ha teletrasportato alla mia adolescenza, mi ha fatto sorridere, provare nostalgia e un po’ mi si e’ stretto lo stomaco a pensarmi genitore di un adolescente!
    E complimenti per l’otto 🙂

  6. 11 widepeak 21 febbraio 2012 alle 11:17

    grazie di questo post, non sai come mi ha alleggerito quel 7-, che forza, tenerezza, e allegria essere giovani così.
    su sanremo, sono con te, mettiamoci le bombe. però io sono riuscita a non vederne se non un totale di 12 minuti scarsi. che sono stati sufficienti a farmi confermare il disprezzo annuale.
    per gli sternuti: tze tze, stai un pochino a riposare, eh!!

  7. 13 Camden 21 febbraio 2012 alle 17:36

    Sono curiosa come mai il film ti ha fatta starnutire? Ma spruzzavano qualcosa nell’aria, era un film in 4D? Scherzo però Hugo Cabret deve avere ambientazioni molto belle…

    Su Sanremo, ero già inorridita quando ne avevo visto la pubblicità, passano gli anni, cambiano i tempi, cambiano le persone, cambia la musica, ma Sanremo rimane lì come un monolite inattaccabile.
    E ormai secondo me del tutto fuori dai tempi…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: