Neve annunciata, Roma disastrata

Non vorrei essere banale, ma oggi devo parlare di neve.

Perché impiegare due ore e quaranta, dico due ore e quaranta, per fare il tragitto lavoro casa che normalmente richiede tra i dieci e venti minuti se va male, solo perché nevicava da qualche ora, è una roba scandalosa. Soprattutto se la nevicata era stata annunciata, talmente annunciata che il sindaco Ale(d)anno ha pensato bene di sospendere la didattica – senza però chiudere le scuole, per non creare disagi a chi non poteva tenere i figli a casa. In quel tempo infinito trascorso a passo d’uomo, su una delle strade principali che porta fuori Roma, non ho visto niente di niente: mezzi, protezione civile, qualcosa in più di un paio di vigili urbani sopraffatti. Mi son detta, vedi che stupida a prendere la macchina oggi. E invece gli autobus erano tutti in panne, senza catene, e se ne tornavano ai depositi.

Lula ha iniziato a fare la baby-sitter alle figlie gemelle di un’amica che abita qui vicino, e così, visto che a scuola non ci sarebbe andata, è stata ingaggiata per stare con le bimbe due ore e mezza, dalle 13 alle 15.30. La mia amica, uscita dal lavoro più o meno alla stessa ora in cui sono uscita io, è arrivata a casa alle 18.24, dopo aver lasciato la macchina ed essersi fatta un’ora di cammino a piedi. Nel frattempo io ero riuscita faticosamente a raggiungere la mia strada, molto suggestiva perché completamente imbiancata, e andare a dare il cambio a Lula, che ancora non regge un ritmo di lavoro troppo sostenuto :-). Un’attimo prima che lei uscisse per tornarsene a casa, abbiamo sentito una specie di boato silenzioso, non mi viene un’altra definizione, ho visto venir giù un gran mucchio di neve, e il grosso ramo di un abete, appesantito dalla neve, si è schiantato nel giardino che lei stava per attraversare. Be’, diciamo che poteva restare schiacciata lì sotto, anzi, potevamo restarci tutte e due, visto che la stavo accompagnando al cancello.

Invece l’abbiamo scampata. E continua a nevicare.

20120203-214715.jpg

Annunci

8 Responses to “Neve annunciata, Roma disastrata”


  1. 1 Rita 4 febbraio 2012 alle 10:30

    Intanto meno male che non Vi è successo niente con la cadura del ramo della pianta! Per il resto che dire: qui da noi siamo abituati a queste perturbazioni, comunque annunciate (come lo era anche per Roma) e siamo anche attrezzati per affrontarle…ma Ti posso garantire che le strade sono impraticabili, per non parlare dei marciapiedi…Stanotte siamo scesi a -17: è tutto completamente ghiacciato. Una vergogna! E non entriamo nel merito delle cattive amministrazioni perchè ci sarebbe da scrivere un enciclopedia! Un caro saluto

  2. 2 widepeak 4 febbraio 2012 alle 15:04

    un sindaco mentecatto: è riuscito a dimostrarlo con grande charme anche in questa occasione!

  3. 3 Claudia 4 febbraio 2012 alle 15:20

    Ciao, successe la stessa cosa a me a Firenze il 17 dicembre 2011 quando per fare 3 km impiegai due ore e mezza. Fui fortunata molte persone che conosco si sono fatte anche 15 km a piedi x tornare a casa.
    Anche a Firenze era stata data l’allerta meteo ma Renzi probabilmente la sottovalutò…quest’anno è andata meglio, è nevicato ma i disagi sono stati minori, perlomeno nella mia zona.
    Claudia

  4. 4 OrsaLe 4 febbraio 2012 alle 15:38

    Anche qui da noi si è più abituati ad agire subito, e addirittura passano con il trattorino a spalare anche i marciapiedi: ammetto però che la situazione varia da comune a comune!!

    Un abbraccio nevoso e ghiacciato.

  5. 5 Cecilia 5 febbraio 2012 alle 23:36

    Prima su facebook ho visto una foto di un gruppo di romagnoli a caso che avevano cartello che diceva: “Alemanno veniamo ad aiutarti noi ! ” (sto ancora ridendo), perché se c’ è una cosa che non ci è mancata è stato proprio la neve !
    Comunque credo che la fila sia un disagio relativamente accettabile se pensiamo a chi è rimasto isolato per qualche giorno, senza acqua, elettricità, cibo…noi eravamo assolutamente impreparati a una tempesta del genere, tant’ è che il mio sindaco ha chiesto aiuto all’ esercito anziché smarrirsi in delle vuote polemiche.
    Ovviamente sono molto felice che il ramo non ti sia caduto addosso !
    Un abbraccio
    Cecilia

  6. 6 Giorgia 6 febbraio 2012 alle 16:47

    @tutti: il fine settimana però è stato bello, e pure il prolungamento di vacanza di oggi 🙂

  7. 7 timenn 6 febbraio 2012 alle 18:05

    Cara Giorgia, sei sempre incisiva nel descrivere le situazioni e le tue emozoni… Mi piace molto questa tua schiettezza e spesso riesco ad immedesimarmi nei tuoi racconti… Il tuo ale-d-anno (notata la minuscola?)secondo me è riuscito a rendersi, una volta di più, inconsistente!
    La neve, come dici tu, era stata ampiamente annunciata e quindi la rabbia nel vedere l’incuria è tanta!!! Anche a Ferrara ne è scesa parecchia ma devo dire che il mio sindaco da una persona attenta si era attrezzato..
    La fortuna però ti assiste… 🙂 nessun ramo in testa….
    Un abbraccio e un sorriso

  8. 8 4p 6 febbraio 2012 alle 18:23

    Con Pisapia è andata meglio.
    4p


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: