Frammenti di dolore e memoria

Sono andata con Sten a salutare Anna Lisa nel suo paese toscano, ad abbracciare sua madre, suo marito, (la Mamy e Qualcuno) il suo più caro amico (El Mejor), che avevamo già conosciuto quest’estate, quando siamo andati a trovarla in ospedale, a Livorno. Ci siamo ritrovate con Milva e Zia Cris, strette in unico abbraccio, sgomente, incapaci di trattenere le lacrime, mentre il sacerdote la raccontava esattamente come tutti noi l’abbiamo conosciuta, e tentava di rispondere alla domanda che per noi continua a non avere risposta: perché? Gli amici del coro cantavano, El Mejor suonava, provatissimo, la Mamy e Qualcuno, mano nella mano, fissavano la bara, carezzandosi vicendevolmente.

La spiegazione non c’è, la consolazione non consola.

Solo ricordare che donna meravigliosa fosse stata, e quanta energia positiva ha saputo trasmettere a chi la circondava, a chi l’amava e a chi nemmeno l’aveva mai conosciuta, riesce ad attenuare la rabbia. Così vere quelle parole di don qualcosa, non ricordo come si chiama, sul fatto che Anna Lisa s’interessasse sempre agli altri, anche quando aveva tutti i motivi e le scuse per farsi i complicatissimi fatti propri. No, no, lei aveva una parola gentile per tutti, adorava fare regali, e a maggio, quando è venuta qui per la Race, ha portato delle creme per Lula, e un buffo grattatesta per tutti i mariti di noi bloggheresse. Poi, dopo qualche giorno, mi è arrivato un pacchetto con dei regalini per il mio compleanno, che era già passato ma lei me lo aveva spedito sperando che potessi riceverlo in tempo. E l’anno prima aveva portato il suo miele quando abbiamo fatto la prima (e unica) riunione per Oltreilcancro. E quando siamo andati da lei, quest’estate, aveva pronto un pacco di cialde di Montecatini.

A me invece sembra di aver fatto pochissimo per Anna Lisa, le ho spedito in ospedale, quando era ricoverata a Modena, il mio libro, che non ha mai avuto la forza di leggere – e io, come un’idiota, l’avevo anche sollecitata a dirmi cosa ne pensasse, visto che del suo giudizio m’importava moltissimo, con la presunzione di credere che leggerlo le avrebbe fatto bene. E poi una piantina grassa quando è venuta a Roma, e quest’estate una collana che le era piaciuta tanto addosso a me, così l’ho fatta fare alla mia amica con i suoi colori, sul turchese. L’ha subito indossata, quel giorno aveva anche lo smalto azzurro alle unghie, e il pigiama in tinta.  Ho meditato per lei, questo sì, mi sono concentrata tanto, e un giorno è successa una cosa straordinaria, che lei stava meglio e ha potuto togliere l’ossigeno proprio dopo una mia mail un po’ pazzoide in cui le scrivevo che la meditazione (o la preghiera per chi crede) poteva cambiare lo stato delle cose. Allora lei mi ha risposto così:

Avevi ragione.
Giorgia, avevi incredibilmente ragione.
E a rileggere questa tua mail mi vengono i brividi…
>
Ti rendi conto di quello che mi hai scritto e di quello che poi è realmente
successo?
BELLISSIMO.
>
Ti abbraccio fino a stritolarti.
Anna Lisa

Sì, era bellissimo credere che le cose sarebbero potute andare meglio, sempre, sempre meglio.

Oggi mi è capitato di scrivere da un’altra parte che Anna Lisa era la creatura più gentile, generosa e altruista che conoscessi. E riuscire a conservare questa qualità quando si sta così male è davvero molto raro: la cosa più normale che accade, in questi casi, è diventare egoisti, pensare che il proprio male giustifichi una totale concentrazione su se stessi, e la disattenzione verso il resto del mondo. A lei veniva naturale agire nel modo opposto e questo, tra le mille altre cose, la rendeva speciale.

E qualcosa di speciale dovremo riuscire a fare per te, per ricordarci e ricordare a tutti com’eri.

Advertisements

27 Responses to “Frammenti di dolore e memoria”


  1. 1 Aries 8 ottobre 2011 alle 00:29

    Inutile dire che ogni sillaba di questo post è da siglare in tutto.

    E conta su di me.

    • 2 Giorgia 10 ottobre 2011 alle 21:58

      Grazie Aries, ci conto sicuramente. Lo ripeto qui, è stato tristissimo doverti conoscere mercoledì scorso, ma questo – farci conoscere – è uno dei regali che ci ha fatto Anna Lisa, no?

      • 3 Aries 10 ottobre 2011 alle 22:00

        Uno dei più belli ed importanti, senza alcun dubbio.
        Mettere in contatto persone che, altrimenti, neanche avrebbero saputo di esistere.
        E’ questo che dobbiamo fare: pensare al tanto bello che abbiamo avuto. E’ il modo migliore, l’unico vero modo per onorarla.

  2. 4 ziacris 8 ottobre 2011 alle 08:25

    Sei un mito…Quante lacime abbiamo versato, ma quanto ci siamo e continueremo a sostenerci, tutte assieme

  3. 6 Rosie 8 ottobre 2011 alle 08:34

    Giorgia, mi sono alzata anche io stamattina, dopo un altra notte quasi insonne, con l’idea di raccontare qualcosa di lei, ripercorrendo tanti post…il suo ricordo non riesce a lasciarci in ogni istante, sembra impossibile, abbiamo avuto davvero una grandissima perdita…e sarà dura superarla.
    Ti abbraccio forte forte.
    Rosie

  4. 8 milva61 8 ottobre 2011 alle 08:52

    Bello Giorgia, tu sai raccontare in modo stupendo ogni cosa. Brivido a leggerti, lacrime a ripensare a Lei. E mi sento in colpa, perchè Anna lisa non avrebbe voluto lacrime, non avrebbe mai accettato che qualcuno soffrisse tanto per lei. Era troppo speciale per non rimanere dentro ciascuno di noi. Solo l’idea di fare per lei qualcosa di grande riesce a consolarmi. Milva

    • 9 Giorgia 10 ottobre 2011 alle 22:03

      Sì Milva, già domani spero di avere qualche buona informazione. Anche a me solo questo riesce a consolarmi, e il pensiero che lei in qualche modo si è infilata nelle nostre anime, rendendole migliori

  5. 10 wolkerina 8 ottobre 2011 alle 13:36

    Mi ha commosso quello che hai scritto.. se posso aiutare a far qualcosa anch’io ne sarei felice. Un abbraccio

  6. 12 l. 8 ottobre 2011 alle 15:02

    bellissimo post, che ha fatto commuovere tanto anche me.
    anche se la conoscevo solo virtualmente, io anna lisa me la immagino proprio così; intelligente, ironica, generosa sempre, anche e soprattutto nelle piccole cose, con un cuore grande. secondo me state già facendo qualcosa di importante per ricordarla nel modo più autentico e giusto, e questo post ne è un esempio perfetto.

    grazie e un abbraccio

    • 13 Giorgia 10 ottobre 2011 alle 22:06

      Sì, te la sei immaginata bene. Grazie delle tue parole, ma quello che ci piacerebbe, oltre al ricordo, è che grazie a lei si possano aiutare altre Anna Lise a sopravvivere alla bestiaccia. Abbracci

  7. 14 Attilio 9 ottobre 2011 alle 13:47

    ” A lei veniva naturale agire nel modo opposto e questo, tra le mille altre cose, la rendeva speciale”……

    Non sono riuscito a conoscerla di persona…..
    ma i commenti ai nostri blog ( sino a quando lei commentava)….
    erano “speciali”….

    cercherò di riordinarli……

    Ciao Giorgia…..e grazie di cuore!

    A

  8. 16 Silvia 10 ottobre 2011 alle 12:24

    Ciao Giorgia,
    io ho conosciuto “virtualmente” Anna Lisa, arrivando a lei da Mamigà, che seguivo da tempo e che, quando si è ammalata, ha stretto amicizia con tutte voi.
    Ebbene, nonostante lo schermo che ci divideva, si percepiva in modo vivido la sua positività, il suo altruismo, la sua gioia di vivere!!! e le stesse sensazioni le ha provate una mia amica, che ha conosciuto il suo blog tramite me dopo la sua morte!!!!
    Questo per dire e confermare che quella ragazza aveva…HA….una luce rara ed inesauribile che ti entra dritta nel cuore!!!!
    Grazie per il ricordo!
    Silvia

  9. 18 cenerentola 10 ottobre 2011 alle 15:45

    visito i tuoi post e, come sempre, tutto quello che scrivi entra dritto nel cuore e nell’anima…
    come questo post in ricordo di anna lisa: era ed è sicuramente un angelo che veglia tutte quanto noi da lassù.
    grazie cenerentola

  10. 20 Romina 10 ottobre 2011 alle 21:41

    Mi hai commossa…che batosta, ragazze…
    Ma dobbiamo continuare a fare quel che facciamo, e a farlo urlando ancora di più, poiché lei non ha più voce.
    Era talmente straordinaria che non so se riusciremo mai a fare abbastanza per ricordarla…ma proviamo…
    Un abbraccio forte…

  11. 22 anna lucia 11 ottobre 2011 alle 14:50

    io vi leggo solo a volte commento ma se posso fare qualcosa per ricordare Anna Lisa fatelo sapere. Anna Lucia

  12. 24 wp 11 ottobre 2011 alle 17:07

    hai visto, riesco solo adesso a scrivere un po’…mica tanto però. mica tanto.
    ci voglio bene e voglio bene a lei per averci unite ancora di più.

  13. 26 veta01 10 novembre 2015 alle 13:45

    !!! PRENDETE IL TEMPO DI LEGGERE CE PROVA CHE HA CAMBIARE LA MIA VITA !!!
    Il mio nome è signora VETA BORDEIANU ho 40 anni sono una madre di una figlia di 3 anni. Un mese fa mia figlia soffriva di cancro al cervello. Ho avuto 20000€ per garantire il suo recupero così mi metto alla ricerca di prestito. Ma purtroppo per me io stavo frodare di essere creditore senza scelta che ho perseverato nella mia ricerca per fortuna che il mio coraggio mi ha messo sulla persona giusta Karen GARCIA PINTO di signora che mi ha dato un prestito di 20000€ in 72 ore solo tramite bonifico bancario, che ha permesso la guarigione di mia figlia e l’apertura della mia piccola impresa. Questa prova è per te che sono stanchi di essere rifiutati dalle banche. Avete abbastanza sai dove mettere la testa che segue i vostri problemi finanziari. Avete bisogno urgente, veloce, affidabile e legittimo di un singolo indirizzo di finanziamento per essere soddisfare. Indirizzo email:
    pinto.karen01@gmail.com


  1. 1 Dalla memoria al progetto – Anna Lisa Annastaccatolisa « Il mio karma Trackback su 7 ottobre 2012 alle 20:12

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 180 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: