Alluce pesto

Posso funamboleggiare, ma possibilmente senza scarpe. Qualche giorno fa, in quel momento delicato tra il risveglio e il caffè, quando ancora non si connette e i riflessi sono lentissimi, ho smosso l’equilibrio precario della mensola della cucina per estrarre il tagliere del pane. Ho assistito al precipitare in verticale, a velocità uniformemente accelerata, di un altro tagliere, mooolto più pesante, esattamente sull’unghia del mio alluce destro.

Ho fatto un verso disumano, che ha fatto rizzare il pelo lungo alla gatta  che – per inciso – oggi compie ben nove anni. L’unghia è diventata istantaneamente nera, ci ho messo sopra una bistecca congelata… No, non è vero, ci ho messo uno di quei contenitori con l’acqua che si ghiacciano per le borse termiche.

Al pronto soccorso ci sono andata solo il giorno dopo, per sentirmi dire che non è rotto e che forse l’unghia non mi cadrà. Però mi dà fastidio la scarpa, domani mi sa che in ufficio mi porterò una pantofola. E oggi per precauzione ho saltato la lezione di danza. Accidenti.

Questo è un post inutile, me ne rendo conto. Ci sarebbe ben altro di cui  parlare. Ma. E’ andata così.

Annunci

6 Responses to “Alluce pesto”


  1. 1 ziacris 8 febbraio 2011 alle 11:13

    Lascia stare, nessun post è inutile….ripeto DOLOREEEEEEEE!!!!
    Ma è caduto di piatto o di spigolo?

  2. 3 ziacris 8 febbraio 2011 alle 11:14

    comunque sto ridendo sotto i baffi, mi sto immaginando la scena e comprendo di non essere la sola a fluttuare in un limbo pericoloso al risveglio

  3. 4 4p 8 febbraio 2011 alle 19:33

    Ma daiiiii, povero alluce.
    La mattina i riflessi dormono ancora, verissimo.
    Una mattina, uscendo dalla camera da letto a tastoni, buio pesto (Nick dormiva ancora)ho preso in pieno lo spigolo della porta.
    Sono rimbalzata all’indietro. Sentivo un certo calduccio sulla guancia, mio figlio dal rumore che ho fatto è uscito dalla sua camera di corsa (Nick ronfava), l’arcata del sopracciglio zampillava. Mi ha medicato, ridevamo, ma dopo che mal di testa!!
    Baciobcio
    Pat

  4. 6 Rosie 11 febbraio 2011 alle 17:31

    Accidenti, mi dispiace, anche perché hai dovuto saltare la danza!
    Comunque se ti può consolare, io e F. siamo due disastri in casa e io in particolare rischio sempre di farmi male senza accorgermene, anche perché spesso sono distratta, ahimé…
    L’altro giorno ho evitato per poco che mi cadesse un bicchiere in testa!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: