Cose mie e cose di tutti

E’ stata una settimana trascorsa tra lo stordimento felice del post-presentazione e l’organizzazione – pratica e mentale – dei controlli. Sì, sì. Son passati altri sei mesi, e visto che esattamente cinque anni fa iniziava la mia convalescenza per l’intervento chirurgico al fegato potrei dire che ho raggiunto per la seconda volta la fatidica soglia oltre la quale ci si dovrebbe sentire ragionevolmente guariti. Ovviamente non lo dico, proprio perché è la seconda volta, e perché dopo sei mesi Zeta mi prescrive comunque una tac. Segno che nessuno si azzarda ad abbassare il livello di guardia. Mi limito a dire “bene, sono passati cinque anni, vediamo un po’ come se la passa la mia salute”.

Oggi ho fatto un elettrocardiogramma e la visita cardiologica, robetta preparatoria alla tac, ma la dottoressa vuole che domani le porti un precedente perché il mio cuore sembra “più vecchio” di quello che è.  Sarà stato maltrattato dalla chemio, no? Uhm, secondo la dottoressa i danni cardiologici da chemio sono reversibili. Sarà che è un cuore addolorato, ferito? Chissà. Un vecchio ECG l’ho trovato, effettivamente sembra meglio di quello di oggi, domani la dottoressa mi dirà. Nel frattempo mi toglierò un po’ di sangue per la batteria di esami ematici.

Alla fine ho scritto ‘ste cose qui, e invece pensavo di raccontare l’indignazione mia e di tutte le donne che per fortuna mi circondano per l’affaire Ruby e le altre ragazze del presidente. L’abuso di potere sfacciato, prostituzione mascherata da aiuto a  povere donne bisognose (di cosa? Suv, appartamenti, migliaia di euro per lo shopping, plastiche, abiti griffati?) la mercificazione del corpo e delle vite di giovani ragazze alimentato da vent’anni di modelli femminili televisivi, i ricatti, le squallide rivalità, le menzogne, le difese isteriche di cortigiani e cortigiane… Come ha perfettamente sintetizzato la consigliera della regione Lombardia, ex igienista dentale e show-girl televisiva “ne vedrai d’ogni…”

Infatti, ne abbiamo visto e sentito d’ogni – che orrenda espressione, ma c’è da stupirsi del linguaggio raffinato usato dalla signora? – e adesso sarebbe ora di avere un sussulto di dignità collettiva e di genere. Quell’uomo, indipendentemente dall’esito di un processo che mi auguro possa celebrarsi a breve, ha corrotto il Paese, e lo sta facendo da anni e anni. Non può governare, deve dimettersi, deve farsi processare e, se possibile, farsi anche curare. Lontano da qui, possibilmente. I mezzi non gli mancano. Sarebbero soldi spesi bene.

Annunci

12 Responses to “Cose mie e cose di tutti”


  1. 1 widepeak 21 gennaio 2011 alle 09:58

    L’indignazione va al di là di ogni dire, ed è talmente tanta e alimentata da talmente tanto tempo, che comincio ad avere comportamenti di intolleranza totale verso qualunque forma di “attenzione” al corpo femminile, inclusa l’insulsa richiesta della palestra di nina di comprare un body per il saggio di ginnastica ritimica: SAGGIO DE CHE??? BODY DE CHE??? cosa devo far vedere queste microbiche bimbette????
    ripeto, è intolleranza eccessiva ma mi viene così.
    per dire.
    per quanto riguarda i tuoi controlli, cominciano le meditazioni orientate al tuo benessere. e per il cuore affaticato, beh, ne ha ben donde, ma è un organo perfetto il tuo, sono certa che si riprenderà in fretta.
    un abbraccio

    • 2 Giorgia 21 gennaio 2011 alle 16:00

      Io che ho la figlia tredicenne pensa come sto messa… Però sì, è intolleranza eccessiva il fastidio verso il body per la ginnastica!
      Sul cuore falso allarme, solito tracciato un po’ anomalo, anzi, migliorato rispetto al passato 🙂 abbracci a te

  2. 3 ziacris 21 gennaio 2011 alle 13:58

    C’è di che esserne anche più che schifate. Ti dico che io, io che sono vecchia,mi vergogno per loro, mi sento imbarazzata da tutta questa ostentazione di corpi, di culi e di tette, di tutti questi uomini che non riescono a gestire l’ormone. E a questi uomini mandrilli, con l’ormone imbizzarrito è stato dato in mano il destino e la crescita di un paese e dei suoi abitanti.
    Mi vergogno profondamente di quello che dicono, di quegli occhi che misurano e pesano tutte le donne che passano loro accanto come manze pronte per il macello.
    Mi viene l’ansia, l’angoscia al pensiero di come si sentiranno queste ragazze che un domani saranno donne e anche loro invecchieranno e ripenseranno a tutte le schifosate fatte da giovani, a come potranno sentirsi svilite e umiliate. Le cazzate da giovani le abbiamo fatte tutti, ma qui c’è da vergognarsi.
    Ma ti ripeto io sono vecchia, io ho 54 anni e la miam entalità non è elastica, io non faccio testo, perchè faccio parte di quella generazione che parla ancora di “mutande” o al massimo di “mutandine”, non di tanga, perizoma o vari fili interdentali schiaffati in mezzo al culo.
    E ne abbiamo sentite d’ogni non solo dall’igenista dentale (Dentale e non Mentale), ma anche da una donna che si è svenduta alla mercè dell’ormone imbizzarrito, ripresa sempre di fianco, facendo risaltare il labro inferiore iper-gonfio e un po’ penzolante, sempre troppo vicino alle telecamere che l’hanno iquandrata tutta fino alle tonsille, con una chiosa di denti da Caimano pure lei, ma anche lei ha sproloquiato come una qualsiasi velina pronta a calmare l’Alì Babà di turno con altre storie che non assomigliano nemmeno lontanamente alle “Mllle e una notte”, ma assomigliano sempre di più alla sceneggiatura de “La dottressa del distretto militare”.

    Per i controlli, si tace e in sordina si va avanti

  3. 5 Andrea Tj 23 gennaio 2011 alle 10:53

    Davvero interessante quello a cui ti riferivi ZiaCris, forse Mr.B crede di vivere in uno di quei film spazzatura italiani, (film di merda) degli anni ’70, che oggi tanto cerca di far spacciare come ottimi film di serie b.

    Il male purtroppo non è solo lì, se guardi come continuano ancora oggi a considerare il corpo delle donne, anche dopo ciò che è stato il lavoro di Lorella Zanardo.

    Ho scritto il mio ultimo post su questo ultimo ed ennesimo caso: “La forza della natura. Incontro sulla Femmina”…..http://andreatjvannini.wordpress.com/2011/01/09/ma-la-donna-ha-dei-diritti-o-e-solo-un-corpo-da-usare-mercificare-e-mostrare/

    Non troverò più parole per spiegare in futuro a mia figlia ancora piccola, quale punti di riferimento e quali valori, per considerarsi una donna e non un corpo soltanto.

    AndreaTj

  4. 6 4p 23 gennaio 2011 alle 21:16

    Premetto che condivido anche le virgole del tuo post.
    Zia Cris, a me l’ansia per ste quattro stronzette di turno, che non hanno rispetto per loro stesse, proprio non mi viene e non mi verrrà mai.
    Anch’io sono stata giovane e ho avuto delle storie, ci mancherebbe, non sono una puritana, ma con un uomo anziano e per di più di potere, cosa ci fai se non la escort. Ditelo che siete delle zoccole e io non m’incazzo più. Vanno a cena??? Ma perfavore. Vogliono avere posti di lavoro importanti, usando la scorciatoia della camera da letto, ma manco per niente direttamente col culo sul tavolo.
    Provo ansia per chi non trova lavoro, per i nostri ragazzi che chissà se riusciranno a farsi un domani onesto, provo ansia per quei padri e madri di famiglia che sono o rimarranno senza lavoro, provo ansia per la scuola, provo ansia per quei bravi ricercatori che abbiamo, ma sono costretti a espatriare.
    Provo tanta ansia per gli animali abbandonati, per i canili fatiscenti, ma per le troiette di via olgettina, e tutte le altre che hanno questa voglia di vita facile non provo una mazza di niente. Scusatemi, scusami Giorgia
    PAT

    • 7 Giorgia 24 gennaio 2011 alle 17:15

      Io provo molta rabbia e disgusto, anche perché la prostituzione per carriera, chiamiamola così, non è più limitata solo ad un certo mondo – per esempio quello televisivo – ma è diventato sistema di reclutamento politico. Preoccupazione per come potranno sentirsi se, e dico se, un giorno ripenseranno con vergogna alle serate con il vecchio caimano questo proprio no.
      Scusarti di che? Baci

  5. 8 ilibridirosie 24 gennaio 2011 alle 16:42

    A parte lo schifo generale della situazione attuale e di tutto quello che di cui si parla in questi giorni, mi preme soprattutto farti un grosso in bocca al lupo per questi esami, e resterò ansiosa come sempre in attesa che tu scriva che è andato tutto benone.

    Dita incrociate. E spero che per il cuore non ci siano grandi problemi.

    Rosie

  6. 10 innoallavita 24 gennaio 2011 alle 18:07

    Il tuo libro non è ancora su IBS?

    • 11 Giorgia 24 gennaio 2011 alle 18:18

      No cara, non può andare su ibs finché non sarà pubblicato da un editore. Per adesso i canali di acquisto sono sempre i soliti (Ilmiolibro.it, la Feltrinelli online e su ordinazione Librerie Feltrinelli).

  7. 12 daniela 31 gennaio 2011 alle 16:27

    basta! non ne possiamo più di questo vecchio lubrico e corruttore di giovincelle scervellate !
    E per le scervellate nessuna parola di comprensione, perché si sa, ci son sempre state e sempre ci saranno, ma non si può scusarle, soltanto compatirle per la loro assoluta mancanza di dignità.
    Non vedo in loro delle Mimì o delle Traviate, ma solo delle ragazzine dissennate che non amano nemmeno se stesse, ma solo le borse firmate….


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: