Il lettore mancato

Il libro comincia a circolare, viene acquistato, letto, prestato, regalato. Una cosa bellissima la stanno facendo le cancer bloggheresse: hanno pensato di regalare una copia in memoria di papà ai centri oncologici che ognuna di loro frequenta. Adesso aspetto trepidante che ne pensa Anna Lisa, l'unica del gruppo a cui l'ho mandato, visto che si trova da quattro settimane in ospedale – in beauty farm, come lo chiama lei. 

Due cose mi vengono dette costantemente da chi lo legge: che prende e che ci si commuove tanto. E pure che è un vero libro. 

Mi dispiace tanto che papà non abbia potuto leggere Come una funambola, dall'inizio alla fine. L'ho visto com'era curioso quella mattina che sfogliavamo insieme a mamma la prima prova di stampa, mentre aspettavamo che lui entrasse a fare la chemio. E com'era stata acuta la sua osservazione sulla foto della copertina, che gli era piaciuta tanto, anche se mi aveva invitato a ingrandirla per renderne più visibile  il legame con il titolo. Aveva ragione, e infatti mi sono messa a navigare come una pazza per ritrovare quella foto in rete nelle dimensioni giuste. Certo, non avrebbe cambiato il corso della sua malattia, troppo cattiva e avanzata per fermarsi, ma voglio credere che sarei riuscita a trasmettergli qualcosa del mio modo di reagire. Che avrebbe compreso quello che non ero in grado di spiegargli guardandolo negli occhi e leggendovi dentro un rassegnato sgomento.
Ma ho fatto una promessa con me stessa: niente rimpianti, dietrologie, rancore verso ciò che è stato, domande inutili, imprecazioni contro un destino che ha infierito impietosamente. La parola d'ordine è: accettazione e nutrimento dei ricordi, quelli più cari e confortanti, che riempiono il cuore, e non lo scavano.

 
 

Annunci

7 Responses to “Il lettore mancato”


  1. 1 ziacris 23 ottobre 2010 alle 09:55

    Brava Giorgia bissogna avere la forza di guardare avanti sapendo che è sempre lì al tuo fianco.

  2. 2 utente anonimo 23 ottobre 2010 alle 16:55

    sono quelle parole che non abbiamo detto o ci sembra di non avere detto: il dialogo continua con l'immaterialità ed è per questo che è difficilissimo. Ho perso la mamma a maggio e mi ritrovo ancora oggi a pensare di sollevare il telefono per parlarle. La nostalgia è grande e credo che si attenuerà ma non scomparirà mai. Il tuo libro è molto bello,incisivo e rappresenta l'incontro con il pianeta cancro in modo nitido.Questo è il mio parere di donna operata di carcinoma al seno l'anno scorso, di figlia di madre mastectomizzata due volte e di medico.  Con tanta tenerezza.compagna di strada

  3. 3 giorgi 23 ottobre 2010 alle 17:43

    Zia Cris: grazie, ci provo. E comunque sì, lo sento sempre vicino.

    Compagna di strada: anch'io penso che la nostalgia non potrà mai scomparire. Proprio mai.
    Mi fa molto piacere che il libro ti sia piaciuto, sei la prima persona che non conosco a raccontarmi le sue impressioni. Grazie davvero e in bocca al lupo.

  4. 4 ilmiopeignorante 23 ottobre 2010 alle 21:52

    Perdonami Giorgi….ti chiedo davvero perdono!

    Mentre io ero "fermo" con me stesso……….scervellandomi su "problemi" inventati dalla mia anima……..non mi rendevo conto di ciò che succedeva fuori di me….e tu mi hai aperto gli occhi.

    Non entro nel tuo blog da tanto, quello di Anna Lisa è da tanto che non lo commento, qualche volta leggo quello di Wide, commento poco quello di Cris…….e scrivo post sempre più lagnosi sul mio blog………

    E non sapevo di tuo papà….del tuo libro………..
    Perdonami……..

    A volte ci si perde in se stessi…e si perdono di vista le persone care…
    eh, sì!
    Perchè tu, Cris, Anna Lisa, Wide………siete per me persone care, molto care… più di quanto possa immaginare…..

    Posso solo dirti che il mio cuore è vicino al tuo per il tuo papà.
    Ho letto i tuoi post…….e non ho potuto evitare di commuovermi…….

    Ed il tuo libro lo porterò……..sin dove posso…….al centro oncologico di Lucetta, alle mie carissime amiche del forum sul cancro al seno, …. e lascia che la mia fantasia si sbizzarrisca………

    lo farò per il tuo papà……
    lo farà per tutte voi….
    lo farò per te…..

    ….dammi solo un pò di tempo per organizzarmi sugli acquisti online…….ma credo che farò prima andando da Feltrinelli….

    ma poi………pretendo gli autografi, eh?…..

    Ti abbraccio forte……

    A.

  5. 5 giorgi 24 ottobre 2010 alle 09:25

    A. : non ti devi scusare, carissimo, ci mancherebbe! E' difficile avere sempre la stessa costanza nel leggere e commentare i blog, io ci riuscivo solo quando ero a casa convalescente .  Mi fanno molto piacere le tue parole e il tuo affetto. Quando ti arriva il libro se vuoi c'incontriamo per fare due chiacchiere. Un abbraccio (forte anche a Lucetta)

  6. 6 camden 25 ottobre 2010 alle 16:15

    Ti rendi conto che emozione, sentirsi dire che "è un vero libro" è una cosa bellissima, vuol dire che manca solo un editore, che comunque non è detto che non arrivi (e te lo auguro proprio!)

  7. 7 giorgi 25 ottobre 2010 alle 17:11

    Rosie: sì, è una bella soddisfazione, e l'editore se arrivasse non sarebbe male, perché è davvero molto faticoso fare tutto da sola e mi dispiace che non sia possibile andare in libreria e poterlo sfogliare prima di decidere se è il caso di comprarlo…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: