LE CHIAVI DI CASA

Ho dato le chiavi di casa a Lula. Magari se avete imparato a conoscerla leggendo il blog fin dall’inizio, cinque anni fa, vi fa impressione come la fa a me. La bambina è diventata una ragazza che reclama autonomia, spesso risponde male, sbuffa, guarda parecchie stronzate in televisione, ma ascolta attenta le interviste ai cassaintegrati su Annozero e si commuove, dice che non è giusto, e ancora come un tempo chiede se le persone che stanno parlando nelle trasmissioni sono di destra o di sinistra, anche se ormai lo capisce da sola.  Adesso ha le chiavi di casa, attaccate a un fantasmino di gomma bianca e alla scimmietta delle borse Kipling. Ancora non ha mai preso un autobus da sola, ma va a scuola a piedi, gira per il quartiere con le amiche e qualche volta è andata al cinema qui vicino. E’ inevitabile ripensare ai miei dodici anni, anche se tutti dicono che non ha senso fare confronti. "Era diverso". Eppure non voglio mai perdere di vista le cose che facevo, e come mi sentivo felice quando guadagnavo un pezzetto in più di libertà e indipendenza.

Lula dorme ancora, da quasi dodici anni, con Ciccio, il gatto di pelouche. Però da oggi ha le chiavi di casa. La mia ragazza piena di contraddizioni, come ogni adolescente che si rispetti.

 

Annunci

17 Responses to “LE CHIAVI DI CASA”


  1. 1 utente anonimo 24 ottobre 2009 alle 10:12

    Queste piccole autonomie rendono felici i nostri ragazzi, si inorgogliscono e pensano "si sono accorti che sono cresciuta", tutto ok, però fai anche in modo che non cresca troppo in fretta.
    Nel senso di non dare niente per scontato, è opportuno, secondo me, che dimostrino la loro crescita, non solo anagrafica, ma di responsabilità. Sapersi guadagnare sempre un po’ più d’indipendenza, piano, piano li consapevolizza e li rende un po’ più sicuri, se no c’è l’effetto contrario.
    Tutto e subito sbarella, ti senti pronto come ci si può sentire in fase adolescenziale,  ma ti spaventa è troppo.
    Comunque gioca molto il fatto caratteriale, certo la famiglia attenta su basi solide, ma poi la compagnia, gli altri ragazzi fanno leva sia in positivo che in negativo.
    E’ istintivo per un genitore preservare il proprio figlio dalle negatività, ma sappiamo anche che purtroppo non ècosì e a fatica dico anche che non è giusto.
    Complimenti, hai una ragazzina veramente sveglia per avere 12 anni e guardare Anno Zero e per di più commentare accidenti avete lavorato veramene bene.
    Il mio pargolo che ha 23 anni e fra un mese ne compirà 24, Anno Zero lo sta apprezzando adesso, ma devo dire con tutta onestà e non solo di mamma che comportamentalmente (ma che cazzo di parola mi è venuta bo’) è in gamba.
    Volevo chiederti una cosa Aloe..ecc. serve come immuno……o solo per la nausea, e la possono prendere tutti?????
    Ciao è sempre un vero piacere leggerti.
    4P

  2. 2 giorgi 24 ottobre 2009 alle 11:06

    4P: E a me fa sempre piacere leggere i tuoi commenti (ma un blogghetto tuo, ci hai mai pensato? ) Hai ragione sulla necessità di avere "dimostrazioni" di crescita e responsabilità, ma credo che se non si molla mai il controllo questi figli iperprotetti iperaccompagnati iperorganizzati non potranno mai imparare a cavarsela da soli senza fare cazzate. 
    Sull’ aloe: quello che mi disse a suo tempo l’erborista da cui andavo era che quel tipo di aloe le era stato consigliato da un oncologo che lo consigliava ai pazienti in chemioterapia. E’ un succo di aloe (marca Talamonti) da cui è eliminata l’ aloina, la sostanza che da’ il gusto insopportabimente amaro e una forte lassatività, mentre tutte le proprietà disintossicanti e rafforzanti il sistema immunitario restano attive. Quindi è assolutamente indicato per tutti, durante e dopo la terapia. Io ogni tanto continuo a riprenderlo, a cicli. (‘Sta Talamonti la sto molto sponsorizzando, lo so, ma giuro che avevo provato altri tipi di aloe, da quelli fatti in casa ad altri acquistati, e non c’è paragone, per le cose che dicevo prima.

  3. 3 widepeak 24 ottobre 2009 alle 11:43

    le nostre bimbe che si fanno grandi. che emozione, che meraviglia, che grandi responsabilità!

  4. 4 cinas 24 ottobre 2009 alle 12:37

    anche a me le dettero a 12 anni.

  5. 5 giorgi 24 ottobre 2009 alle 16:03

    Anna: non correre, le tue sono ancora bimbe!

    Cinas: oggi l’ho ricordato ai miei, che da bravi nonni tentano di frenare le esuberanze dell’unica nipote. Ovviamene non si ricordano che anch’io alla sua età avevo le chiavi di casa e me ne andavo in giro in piena irreperibilità (vista l’assenza dei cellulari). La seconda considerazione che hanno fatto è stata: erano altri tempi. 

  6. 6 utente anonimo 25 ottobre 2009 alle 00:43

    Grazie mille per l’informazione ALOE, riferirò al mio cognatone.
    Cazzarola quella che abbiamo comprato stasera Succo di Aloe non va bene, se gli fa schifo il sapore e tutto il resto non me lo perdona. Mando subito un messaggino telefonico e gli dico di non prenderlo domanimattina.
    Anch’io ho avuto le chiavi a 12 anni e anche mio figlio.
    Ma mano a mano che il tempo passa, prima i nonni come tu dici, ma poi anche i figlioli diranno quella fatidica frase "ERANO ALTRI TEMPI QUANDO TU AVEVI LA MIA ETA’" e a quel punto ti assicuro un po’, un pochino, pur capendo, ti incazzicchi.  Ma così va la vita è una ruota che gira.
    Ciao e grazie ancora.
    4P  

  7. 7 utente anonimo 25 ottobre 2009 alle 10:31

    Ciao sono sempre io 4P,
    stamattina evitato Aloe ecc. l’ho scampata alla grande ahahah!
    Volevo chiederti un’altra informazione per quanto riguarda il beveraggio.
    Come tu ben sai, l’acqua in questo momento non è assolutamente gradita, tutte le altre schifezzate di bevande si: soprattuttto la cocacola. I gusti sono alterati dalla chemio.
    Hai qualche suggerimento per rendere l’acqua di nuovo bevibile, con l’aggiunta non so di qualcosa?????
    Grazie e buona domenica
    4P

  8. 8 giorgi 25 ottobre 2009 alle 11:03

    4P: veramente io di acqua ne bevevo tanta… E la coca cola è ottima per evitare la nausea. Non so, magari acqua un po’ frizzantina? Auguri al cognato, e se hai bisogno di contattarmi privatamente puoi farlo tramite mail  L’espertona…ih, ih, ih

  9. 9 cestodiciliegie 25 ottobre 2009 alle 13:34

    Acci, Lula con la chiavi di casa! Torno indietro di 5 anni, quando la mia aveva la stessa età. Posso dire? I problemi sono più o meno gli stessi, alcuni più accentuati, altri che si stanno attenuando. Ti rispondo qui, relativamente all’idea lanciata in una mail su FB. Io ci sono!!!
    Baci

  10. 10 giorgi 25 ottobre 2009 alle 15:33

    Milva: bene! ma la mail (non su fb, ma all’indirizzo del cesto), da Anna, l’hai ricevuta?

  11. 12 cestodiciliegie 25 ottobre 2009 alle 19:01

    No, non l’ho ricevuta, anche perchè non riesco a leggere la mail del Cesto da casa. Mandatela su infocesto@alice.it

  12. 13 giorgi 25 ottobre 2009 alle 19:41

    Milva, l’abbiamo mandata lì…

  13. 14 ziacris 26 ottobre 2009 alle 15:41

    Quando ci rendiamo conto che sono cresciute è già troppo tardi, siamo già invecchiate irrimediabilmente

  14. 15 juliaset 26 ottobre 2009 alle 23:10

    Anche io le ho avute in prima media, per motivi prettamente logistici. La pubertà è veramente un’età incredibile, mi chiedo ancora come ho fatto a sopravvivere…Un bacio a te e alla tua ragazza!

  15. 16 Fainberg 5 novembre 2009 alle 20:39

    Mamma mia, Giorgia, sì che fa impressione… Lula con le chiavi di casa… Ma quanto cazzo veloce stanno passando questi nostri anni?
    Questo per me è un nuovo illuminante memento. Ne voglio fare tesoro.
    Per tutto il resto, ti abbraccio. Ben ritrovata, Giorgia.

  16. 17 giorgi 5 novembre 2009 alle 22:01

    Fainberg! Che bella sorpresa… Ben ritrovata a te, cara


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: