MILLENNIUM

Ho finito di leggere La regina dei castelli di carta, ultimo romanzo della trilogia "Millennium" di Stieg Larsson mentre Sten mi faceva la trimestrale iniezione di Enantone. E’ così, è così. Le storie di Lisbeth Salander e Mikael Blomkvist ti trascinano fino a notte fonda, e quei tomi te li trascineresti ovunque, pur di leggerli. Non mai amato tanto prendere l’autobus come in questi giorni, tutta soddisfatta d’incappare in un bell’ingorgo pur di avere il mio posticino e tirar fuori dalla borsa le ottocentocinquantasette pagine di Larsson. E poi nelle sale di aspetto di ospedali, dentisti, scuole di danza. E perciò sì, le ultime pagine le ho lette mentre Sten mi bucava la chiappa, e nei minuti immediatamente successivi. E quando sono arrivata alla fine mi sono detta, come tutti, che il povero Stieg è morto troppo presto e speriamo che ci sia veramente il quarto romanzo pronto nel laptop dello scrittore gelosamente custodito dalla sua compagna per evitare accaparramenti ulteriori da parte della famiglia.

Dalla Svezia a Casal di Principe: ora non c’è niente a interrompere la mia lettura tardiva di Gomorra.

Annunci

11 Responses to “MILLENNIUM”


  1. 1 cinas 20 maggio 2009 alle 07:40

    ho letto il timo e dopo averlo letto non mi è piaciuto. adesso leggo – per sbaglio – il secondo ed effettivamente sono libri che mentre li leggi ti prendono.
    dopo, a me, lasciano poco.

  2. 2 cinas 20 maggio 2009 alle 07:40

    “Timo” ??
    primo.

  3. 3 ziacris 20 maggio 2009 alle 14:40

    ho letto per ora solo il primo, ti dirò ho fatto fatica a partire, ma poi, mi inventavo bisogni fisiologici per leggere

  4. 4 giorgi 20 maggio 2009 alle 14:51

    Cinas, a me hanno lasciato una gran voglia di Svezia e di giornalismo d’inchiesta. Certo, da noi le vicende raccontate nei romanzi di Larsson suonano inverosimili… Figuriamoci, imperi economici e servizi segreti illegali smantellati da un’inchiesta giornalistica e dai servizi legali. Noi che abbiamo il Lodo Alfano e il caso Noemi.

    Zia Cris, ti capisco 😉

  5. 5 cestodiciliegie 20 maggio 2009 alle 15:55

    E va bene, mi avete convinto: leggerò Larsson. Ormai la curiosità si è impossessata di mE.
    Gomorra è splendido, ma tanto, tanto crudele. Io sono stata presa da una rabbia impotente.

  6. 6 widepeak 21 maggio 2009 alle 09:53

    io ancora non posso avvicinarmi a larsson per via di una certa facilità ad impressionarmi per scene cruente. in compenso invece mi sono letta gomorra di recente, che è assolutamente cruento, ma niente rispetto a quanto ti fa capire quanto siamo coinvolti tutti…buona lettura

  7. 7 giorgi 21 maggio 2009 alle 17:51

    Milva, non te ne pentirai 😉

    Misshajim/Widepeak (e se ti chiamassi col tuo vero nome, più semplice?), sì, ci sono scene molto cruente, soprattutto nel primo.

    Su Gomorra mi pronuncerò quando lo finisco

  8. 8 widepeak 22 maggio 2009 alle 09:12

    si direi che va bene…è che internet era l’ultima speranza che avevo che qualcuno mi chiamasse ancora miss 😉

  9. 9 giorgi 23 maggio 2009 alle 16:26

    Miss Anna, allora ;-))

  10. 10 cinas 24 maggio 2009 alle 21:26

    ho la sensazione che siano inverosimili anche in svezia.
    credo

  11. 11 giorgi 24 maggio 2009 alle 22:27

    Cinas, e vabbè, pazienza.
    Insomma, mica si deve essere fan di Larsson per forza, no?
    Ciao ciao a te.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: