UMANITA’ DELLA MEDICINA

“Guarda, vieni a fotografare il desktop del computer”, mi ha invitata Zeta con un sorrisetto quando ho tirato fuori la macchina fotografica.

la stanza di zeta al san giacomo

Eccolo lì, il faccione del ministro che sarebbe scappato dal San Giacomo se ce l’avessero portato in barella. Una specie di esercizio zen, connesso ad uno dei quadretti alla parete, quello con l’ideogramma del Do (Tao) e l’altro con quello del guerriero, mi pare.

Come al solito abbiamo avuto poco tempo per parlare, stretti tra la giornalista dell’Unità che lo stava intervistando e il sit-in alla Rai. A dicembre dovrò fare una tac, oltre alle solite cose, e la sensazione, confermata anche dall’infuocato incontro notturno con Marrazzo (che è stato costretto ad andare a parlare con personale e pazienti) è che forse non sarà stata l’ultima visita, perché ormai una proroga sembra inevitabile. Però, mi ha raccontato stamattina Zeta al telefono, il Presidente/Commissario sembra irremovibile nella sua decisione. Sui tempi gioca allo scaricabarile col governo, si è scusato per non essere andato prima a parlare con loro, scommette sulla bontà del proprio progetto, ribadisce che la struttura potrebbe essere utilizzata per gli anziani.

“Se la proroga significa prolungare l’agonia io preferisco andarmene subito”, mi ha detto Zeta, sconfortato. “Così è un inferno.”

E sempre ieri, davanti alla Rai, un’istologa mi ha raccontato che lei e i due suoi colleghi andranno al Santo Spirito, dove non sanno proprio dove metterli né come utilizzarli. “Al San Giacomo invece lavoriamo a stretto contatto con gli altri reparti, interagiamo gli uni con gli altri.”

rai

E’ un po’ quello che dice continuamente Zeta: stanno smembrando una comunità. E poi, aveva spiegato alla giornalista dell’Unità, tutti parlano di umanizzazione della medicina. Qui la pratichiamo davvero, qui non ci sono liste di attesa per fare la chemio, qui non sei palleggiato da un medico a un altro come accade nei grandi ospedali, qui si instaura sul serio un rapporto medico-paziente.

“Lei teme per il proseguimento delle sue cure?” Si era rivolta a me la giovane giornalista.

“Ora non mi sto curando, mi sto controllando” le ho spiegato facendo gli scongiuri. “Temo per la qualità delle cure degli altri, per le inevitabili difficoltà che incontreranno almeno nei prossimi mesi. Temo perché si vuole far passare per razionalizzazione della spesa sanitaria un’operazione che peggiora enormemente la qualità dell’assistenza sanitaria.”

La stanza spoglia piena di scatoloni, i corridoi blu con i divani per l’attesa in tinta, una famiglia di extracomunitari aspettava davanti alla stanza del dottor A, l’ematologo, mi sembrava tutto scandalosamente triste.

Anna, anna
annala caposala, mi ha detto che era arrivata la convocazione per presentarsi il 3 novembre al Nuovo Regina Margherita. 

Giù, nel cortile, il solito fermento e qualche speranza in più, anche dopo la conferenza stampa del mattino con la lettura della traduzione del testamento. Sono passati quattrocento anni e secondo Marrazzo vale come carta straccia…

Ambulanzecortile del San Giacomo Le ambulanze dormienti…

Annunci

4 Responses to “UMANITA’ DELLA MEDICINA”


  1. 1 misshajim 24 ottobre 2008 alle 21:58

    guarda, sono giorni ormai che ti leggo e non commento più per lo sconforto. ma ci sono.

  2. 2 mello 27 ottobre 2008 alle 12:47

    zeta e quello di sotto. meno male, notavo se non un’inquietante somiglianza con sacconi 🙂

  3. 3 ziacris 27 ottobre 2008 alle 14:51

    Non ci sono parole, le abbiamo finite e anche la stanchezza di questa situazione si sta facendo sentire

  4. 4 giorgi 27 ottobre 2008 alle 16:50

    Grazie Misshajim
    Federico, col desktop Zeta ci gioca a freccette 😉 (Non è come te lo immaginavi, eh?)
    Zia Cris, si vede che sono stanca, eh?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: