La capa gira

Stavolta niente rientro domenicale. Sten è tornato a Roma, e io resto altri tre giorni con Lula, la sua amica e i miei. 

Ieri siamo stati a una sagra con un po’ di amici, e mentre mangiavamo, accanto al campo da calcio (ormai le sagre qui si fanno quasi sempre nei campi sportivi), mi è arrivata una pallonata in piena tempia sinistra. Una botta tremenda, che mi ha lasciata rintronata per un po’.  Se la traiettoria fosse stata leggermente diversa avrebbe potuto beccare la figlioletta di due anni che era in braccio al mio amico. E non oso pensare cosa ne sarebbe stato di quella testolina. Tutti mi hanno guardata con apprensione, temendo sullo stato dei miei neuroni. (Perciò se scrivo cose incomprensibili sono giustificata…) Stephan si è alzato a rimproverare i ragazzini, che ammutoliti hanno rinunciato pure a recuperare il pallone. Mi sono spaventata un po’, anche perché la mattina era iniziata male dopo un sogno cattivo: stavo facendo i controlli con un’ oncologa diversa, specializzata in qualcosa che mi si doveva controllare, e dopo aver esaminato delle strane radiografie  futuriste, ammetteva, confermando un mio presentimento dopo averlo prima ridicolizzato, che c’era un’altra cosa, e che avrei dovuto rifare la chemio. Ricordo che aveva usato un termine un po’ crudo per indicare l’inevitabile perdita di capelli, tipo calva o pelata. E che io non ero angosciata o disperata, ma solo molto, molto scoglionata. Ancora… mormoravo sconsolata. E poi mi dicevo che dovevo andare dal dottor Zeta, perché forse lui mi avrebbe fatto fare una terapia diversa. Mi sentivo come se l’avessi tradito.

 

Annunci

10 Responses to “La capa gira”


  1. 1 DNGDLB 21 luglio 2008 alle 07:55

    Vedi a fare sogni pessimisti tipo alien?
    Si prendono le giuste pallonate! ; )

    Comunque vorrei troppo vedere le radiografie futuriste: ti prego, disegnale!

    Muxu, D. : )

    P.S. Come va, oggi?

  2. 2 ziacris 21 luglio 2008 alle 15:06

    mangia più leggero di sera, niente peperonata. forse la pallonata ha rimesso a posto i neuroni

  3. 3 giorgi 21 luglio 2008 alle 16:36

    Danilo, le lastre futuriste erano più rigide delle normali radiografie, e più piccole.
    Oggi va molto meglio, grazie!
    Zia Cris, i peperoni li ho mangiati ieri sera, e non ho fatto sognacci. La sera del sogno avevo mangiato dei pesci pescati da mio padre, buonissimi. Non voglio pensare che sia stata colpa loro…

  4. 4 juliaset 23 luglio 2008 alle 21:53

    Sono passati alcuni giorni, spero tu stia meglio…

  5. 5 ziacris 24 luglio 2008 alle 15:05

    la cpa gira, gli occhi faticano a rimanere aperti, la palpebra è sempre più cascante, come stai?

  6. 6 giorgi 24 luglio 2008 alle 22:14

    Julia, zia Cris, sto benone grazie. Ancora non ho dato i numeri…

  7. 7 ziacris 25 luglio 2008 alle 21:00

    bene, buon fine settimana

  8. 8 giorgi 28 luglio 2008 alle 16:33

    Grazie, è andato bene!

  9. 9 utente anonimo 1 agosto 2008 alle 15:48

    un abbraccio di cuore. non facciamo brutti sogni. va bene?
    🙂
    bri

  10. 10 giorgi 1 agosto 2008 alle 23:34

    Bri, uno ogni tanto ci può stare. Ma adesso, finalmente in vacanza per un mese, cercherò di fare solo sogni bellissimi 😉 Abbracci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: