PERALIA

Ero persa. Pedalavo verso casa, dal luogo – un cinema o un teatro – dove mi ero incontrata con amiche e conoscenti a far cosa adesso non mi è molto chiaro. L’unica certezza è che quasi tutte avevano il cancro al seno, e si parlava di quella che ormai sembrava una vera e propria epidemia.  Tornavo pure da una settimana in montagna, e uscendo da quel posto mi preoccupava il pensiero di aver lasciato la bici per strada tutto quel tempo, distante dalla via Nomentana, dove mi trovavo in quel momento. Comunque la bici c’era ancora, ma dopo poche pedalate, distratta da vari pensieri, mi accorgevo che dovevo aver sbagliato strada perché stavo attraversando una zona desolata e irriconoscibile di Roma. In lontananza vedevo Monte Mario e le sue antenne che avrebbero potuto orientarmi. Dovevo andare in quella direzione ma i segnali stradali non mi aiutavano, e nemmeno le richieste d’informazione ai pochi automobilisti che incontravo. Era una periferia romana, senza dubbio, anonima e poco abitata. Dopo aver superato un gruppo di ragazzi vagamente bulli avevo sentito che qualcuno mi aveva puntato sotto alla nuca una pistola, ero certa che lo fosse, fredda e metallica. Ma era solo lo scherzo del momento, finte aggressioni con pistola ad acqua. Lo spruzzo infatti mi aveva inzuppato il collo, ma non mi ero voltata a guardare in faccia quel deficiente, piuttosto avevo accelerato la mia pedalata finché non mi ero trovata in un comprensorio con case graziose simili a villini di mare. Ci abitavano persone abbastanza gentili, a cui non potevo non fare la domanda che più mi urgeva:

“Ma dove siamo?”

“A Peralia.”

Peralia, Peralia, non mi diceva niente. Poco prima avevo visto il cartello che indicava Val Melaina, storica periferia romana.

Ormai scoraggiata avevo deciso di fare una telefonata per farmi venire a prendere, e intanto continuavo a pedalare disorientata…

Bip bip bip bip

La sveglia! La sveglia! Sono a casa.

Ma… Peralia?

Annunci

6 Responses to “PERALIA”


  1. 1 utente anonimo 2 aprile 2008 alle 20:51

    per alia attraverso gli altri

  2. 2 arabella 2 aprile 2008 alle 21:46

    Io direi per alia = attraverso altre cose (e ci sta tutto)
    Poi Peralia è anche una spiaggia di Creta.
    E Alia è un comune della provincia di Palermo.
    Ma l’accento com’era? peràlia o peralìa?
    Baci dreamer

  3. 3 DNGDLB 3 aprile 2008 alle 09:46

    Per-alia = da Perire e Alea = la fine del rischio

    dal greco peralieus, SSaGGGeZZZa!

    Muxu, D.

  4. 4 ziacris 3 aprile 2008 alle 14:09

    Non mangiare la peperonata alla sera, è faticosa da digerire!!!

  5. 5 juliaset 3 aprile 2008 alle 15:42

    La terra della saggezza, straordinario! A me fa venire in mente anche il luogo dove ti PERdi mentre pedALI. Comunque, sembra il titolo di un racconto. Bello il dettaglio delle pistole giocattolo. Io recentemente ho sognato un bosco pieno di alberi rinsecchiti, e forbici rosse attaccate ai rami di ciascuno di essi, e una scala per salire e potare…

  6. 6 giorgi 3 aprile 2008 alle 16:59

    Sì, d’interpretazioni ce ne possono essere tante, e molte delle vostre l’ho pensate anche io.
    Sister, esiste anche un villaggio nello Sri Lanka che si chiama Peralya. Come fosse scritto e con quale accento proprio non lo so.
    Danilo, mi ricordi Guzzanti che imita La Porta…
    Zia Cris, niente peperoni a cena, giuro!
    Julia, il dettaglio della pistola era abbastanza spaventoso, prima di scoprire che era ad acqua.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: