LE STREGHE SON TORNATE

Sul lungotevere era tutto bloccato, nemmeno sul due ruote riuscivamo a passare. Quando ho capito che quel casino doveva essere proprio per la manifestazione ho smesso di dare il tormento a Sten perché trovasse il varco per svicolare nel traffico. Ero contenta così, anche se avevamo fatto tardi. Infatti all’altezza di viale Trastevere c’era un blocco dei vigili, che obbligava ad attraversare il ponte. Noi invece abbiamo parcheggiato e proseguito verso il Ministero della salute. Il sit-in si stava trasformando in corteo non autorizzato, spontaneo e arrabbiatissimo. Ho incontrato subito mia madre con due sue amiche e mia sorella e mi sono unita a loro, quasi alla testa dell’improvvisato corteo. Sten ha preferito seguirci un po’ ai margini, perché “questa è la vostra manifestazione”. Aveva ragione, era bello che ci fosse anche qualche maschio solidale, ma le vere protagoniste della protesta dovevano essere le donne, donne di tutte le età che finalmente hanno reagito alle orrende provocazioni di questi tempi oscuri. Non mi era mai capitato di partecipare a un corteo non autorizzato, (Sten ogni tanto si avvicinava e mi diceva “se ci perdiamo di vista e vi mettono dentro telefonami…”), e mi sembrava così buffo farlo insieme a mia madre, a pochi metri dalla polizia schierata che via via arretrava ed era costretta a farci proseguire, nonostante il traffico bloccato e l’ira degli automobilisti. Però dalle finestre dei palazzi partivano gli applausi, e gli slogan del vecchio repertorio si alternavano a quelli che io e mia sorella ci siamo inventate per rinnovarlo, e indovinate un po’ chi era il nostro bersaglio preferito? Io e Sten però appena arrivati a Largo Argentina siamo dovuti tornare indietro, ed era proprio il momento di maggior tensione. E se mi caricano la mamma? Ma no, avevo visto il senatore Massimo Brutti e poi ho saputo che c’era anche Franca Rame a intercedere per evitare ulteriori tensioni.

Quando sono andata a prendere Lula ho detto a mia padre che siamo proprio toste noi femmine della famiglia. E lui mi sembrava orgoglioso.

 

Annunci

10 Responses to “LE STREGHE SON TORNATE”


  1. 1 arabella 15 febbraio 2008 alle 21:00

    Guarda che mamma ha avuto la sua bella parte nell’impedire la carica della polizia…

  2. 2 donnavidens 15 febbraio 2008 alle 21:02

    hai una mamma pericolosa? che invidia…

  3. 3 giorgi 15 febbraio 2008 alle 21:20

    Cris, non me l’aveva detto stamattina! Che mi sono persa…
    Donnavidens, sì, è pericolosissima 🙂 Peccato non esserci incontrate…

  4. 4 caterinapin 15 febbraio 2008 alle 22:59

    Ciao, ho letto il tuo post da Marco Giacosa e dato che ho aderito all’iniziativa che Alicesue ha fatto partire dal suo blog (L’oro in bocca) ho linkato il tuo post perché tutti i miei lettori lopossano leggere, spero non ti dispiaccia…
    Un abbraccio
    Cate 😉

  5. 5 nonnacarina 16 febbraio 2008 alle 00:04

    La mia risposta a Ferrara lìho appena postata

  6. 6 giorgi 16 febbraio 2008 alle 11:13

    Cate, non mi dispiace affatto, anzi!
    Nonnacarina, ottima risposta ;-))

  7. 7 Effe 18 febbraio 2008 alle 15:23

    facile prendersela con un ciccione talebano, non può nemmeno schivarsi per scansare le invettive lanciategli contro

  8. 8 giorgi 18 febbraio 2008 alle 19:50

    Effe, pensi che quest’estate ho quasi strusciato quell’orrenda mole sul pontile di un porto. E per quanto era gigantesca non mi ero nemmeno accorta a chi appartenesse. Eh, che occasione sprecata…

  9. 9 pablodepablis 19 febbraio 2008 alle 16:27

    son contentissimo per la riuscita della manifestazione ma non si deve proprio mollare l’attenzione sul tema.
    l’attacco ai diritti è forte e molto ben spalleggiato e per mantenere una parvenza di civiltà bisogna difenderli con molto impegno.
    un grazie e un grosso in bocca al lupo a tutte voi e a tutti noi.

  10. 10 giorgi 19 febbraio 2008 alle 22:16

    Hai ragione Pablodepablis, non abbasseremo la guardia. Grazie di essere passato.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 183 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: