FIORI BLU

Dopo un pressing che dura da tempo e una serie di biglietti disseminati nottetempo per commuoverci , con frasi di questo tenore “daltronde con dei genitori bravi, simpatici (e altre cose così) come potrei diventare [antipatica e vanitosa]?” abbiamo capitolato: Lula avrebbe potuto fare i buchi alle orecchie alla fine della scuola.

Però mi è stato consigliato di farglieli fare subito, per accelerare il processo di cicatrizzazione ed evitare di madarla al campo estivo con i buchi freschi. Non solo, mi è stata anche indicata la farmacia giusta, con una dottoressa molto brava e carina e un’ampia scelta di orecchini da sparare. Così dopo altri giorni di tormentosa insistenza oggi pomeriggio l’ho accompagnata. La dottoressa sarebbe arrivata molto più tardi, ma intanto abbiamo scelto gli orecchini, un paio di minuscoli fiorellini blu. Passeggiatina, gelato, Lula eccitatissima, felice, emozionata. Finalmente è arrivata la dottoressa e come ci avevano annunciato, è stata un tesoro:  rassicurazioni  e caramelline al miele. “Vedrai che non sentirai niente.”  Con la penna marca il punto giusto e in un attimo, zac!, spara il primo orecchino. Dal lamento che è sfuggito a Lula si è capito che proprio niente non è stato. Però è durato pochissimo. Allora via, passiamo al secondo. Zac! Faccia perplessa dell’assistente. Le mani della dottoressa restano attaccate alla pistola. Smuove, fa una smorfia. Io continuo a sorridere a Lula ma ho capito che qualcosa è andato storto. L’orecchino non si è sganciato dalla pistola. “E’ rimasto incastrato”, mormora l’assistente. Trafficano ancora un po’. “Mannaggia, non mi è mai successa una cosa del genere…” Si scusa la dottoressa.  Devono togliere l’orecchino e rifare l’operazione da capo. Ma non è possibile riutilizzare lo stesso, e purtroppo non ce ne sono uguali a quello che ha già messo all’altro lobo.  Intanto Lula scruta con preoccupazione dallo specchio il minuscolo foro da cui esce una goccia di sangue prontamente pulita dall’assistente.  La dottoressa la convince che non è così male mettere un fiorellino identico ma con i petali bianchi. In effetti  non è poi così grave, anche perché tra un mese potrà cambiarli. Va bene.  Spariamo l’altro orecchino e facciamola finita. Alla fine il vecchio metodo che usò la mia amica per  bucherellarmi il lobo destro (ghiaccio anestetizzante e cerchietto d’oro) mi è sembrato più efficace…

“In dodici anni non mi era mai successo…” continuava a ripetere la dottoressa, mentre l’assistente annuiva con decisione. “Comunque l’importante è il risultato, no?”

Ma sì, Lula è soddisfatta, anche se avrebbe preferito averli tutti e due blu, i fiorellini alle orecchie. Come i suoi occhi.

Annunci

8 Responses to “FIORI BLU”


  1. 1 mrka 29 maggio 2007 alle 10:20

    non ci posso credere. ma lo sai che è successa la stessa identica cosa a una marika seienne?

  2. 2 giorgi 29 maggio 2007 alle 10:33

    Io credevo che non fosse mai capitato a nessuno…
    In fondo così è più originale!

  3. 3 Effe 29 maggio 2007 alle 11:35

    ma come, si bucano già a quell’età.

  4. 4 giorgi 29 maggio 2007 alle 12:02

    E abbiamo pure resistito!
    Ora fuggo ad accompagnare l’orecchinata alle prove generali de L’Avaro di Molière… Stasera in scena!

  5. 5 DNGDLB 30 maggio 2007 alle 07:24

    Cara Mrs Queneau, per il tatuaggio e il piercing alla lingua, l’anno prossimo posso consigliarti qualcuno, se vuoi.. ; )
    Muxu, D. : )

  6. 6 giorgi 30 maggio 2007 alle 14:02

    Per ora può bastare ;-))

  7. 7 colfavoredellenebbie 30 maggio 2007 alle 21:45

    Io non li ho i buchi alle orecchie.
    Terrorizzata, da sempre.

    Colpa di un cartello che troneggiava nella vetrina di una profumeria: ‘Qui si praticano fori alle VOSTRE orecchie’.

    Io ero bambina e quel ‘VOSTRE’ mi faceva una terribile impressione. Anche quel ‘praticano, per altro: mi pareva molto meccanico e macchinoso, tipo traforo del monte bianco.
    E mi dicevo… beh, ma perchè i buchi solo alle nostre, di orecchie? Provino pure sulle loro…C’è mica da fidarsi.
    🙂

    (scusa l’intrusione, ma è saltato fuori ‘sto ricordo e mi spiaceva reprimerlo.
    saluti.)

  8. 8 giorgi 30 maggio 2007 alle 22:20

    Colfavoredellenebbie: hai fatto benissimo a non reprimere il ricordo. ‘Sto blog è scritto anche per questo, far riemergere ricordi così. Come considerarti un’intrusione?
    Saluti a te


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: