IL PAZIENTE CHE SA

Domenica non ho potuto evitare la puntata di Elisir dedicata alla ricerca sul cancro e alla raccolta di fondi per l’Airc. Almeno finché c’era Veronesi in studio, che ha il raro dono di spiegare in modo semplice la complessità del cancro, incoraggiando la speranza che possa essere curato e sconfitto, senza però tacere le sgradevoli verità sul mostro (“il tumore al seno diagnosticato precocemente si cura, tardi uccide”).

Alla domanda su come dovrebbe essere la comunicazione tra oncologo e paziente, Veronesi ha risposto esattamente nel modo che mi sarei aspettata, e che corrisponde al modello comunicativo del dottor Zeta. In sostanza ha detto che un malato consapevole è un malato che ha più probabilità di guarire di chi resta all’oscuro della sua reale situazione clinica. Interessarsi al proprio male e alle cure che possono sconfiggerlo ha una validità terapeutica. Io di questo ne sono assolutamente convinta. E’ come se l’oncologo dovesse trascinare il paziente come un peso morto, chiuso in un pesante sacco di iuta. Sarebbe molto meglio se quel paziente uscisse fuori e si lasciasse guidare, camminando però sulle proprie gambe.

 

Non c’entra niente con tutto ciò, ma ieri sera ho visto il film Uccidete la democrazia! sui presunti brogli di aprile. E’ sconvolgente e spaventoso. Naturalmente gli incriminati ora sono gli autori del film…

Annunci

5 Responses to “IL PAZIENTE CHE SA”


  1. 1 zop 29 novembre 2006 alle 15:36

    socrate sapeva di non sapere… ma concordo con te sulla questione del cancro… quanto al cancro della democrazia, anche per quello è bene sapere… un saluto, z

  2. 2 loska 29 novembre 2006 alle 16:50

    sul film:

    ovvio! Perchè, pensavi che magari si mettessero a ricontar le schede? ._. siamo sempre in Italia, eh

  3. 3 giorgi 29 novembre 2006 alle 19:50

    ciao zop, ci si vede a Più libri…?
    Loska: lo so, siamo in Italia, ahimé

  4. 4 licenziamentodelpoeta 1 dicembre 2006 alle 09:40

    Io sui presunti brogli sono molto scettico. Esattamente come fui scettico quando li denunciò Berlusconi. Capisco che le affermazioni di Deaglio possano suonar confortati per i nostri politici di maggioranza: ma invece di affliggersi sul “vorrei ma non posso” causato dalla debole maggioranza al Senato, farebbero meglio a riportare al maggioritario la legge elettorale (il che promisero di fare prima delle elezioni, ma non faranno mai, perché i vari partitini – Rifondazione Verdi etc. – non ci starebbero)

  5. 5 giorgi 1 dicembre 2006 alle 11:41

    Mah, qualcosa di strano ci deve essere stato. Però sono d’accordo con te, la legge elettorale deve essere cambiata rapidamente.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 183 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: