MARI E MONTI

Pochi giorni fa sulla montagna dove saremo domani ha fatto meno 2. Ma le previsioni dicono che la temperatura è destinata a salire un po’ ovunque. Anche lassù, credo. Odio fare i bagagli con questa incertezza. L’ultima volta che siamo stati in montagna d’estate era sei anni fa, guarda un po’. Stessi luoghi, stessa ricrescita dei capelli. Forse adesso sono più biondini, e c’è qualche disgraziato bianco che tenta di mimetizzarsi.

Lula ancora ce la portavamo sullo zaino, anche se aveva quasi tre anni. Volevamo fare delle belle camminate, di quelle che alla fine non ne puoi più, però quando alla fine ci guardavamo intorno e scoprivamo dov’eravamo arrivati ci dicevamo che ne valeva la pena. A quel punto magari Lula rotolava nei prati d’alta quota, sullo sfondo le vette dolomitiche, o si bagnava i piedini nell’acqua gelida di un laghetto.

La moglie del padre di Sten, la quintessenza dell’organizzazione germanica, avrà già preparato un itinerario al giorno, spero considerando che Lula adesso non la trasporterà nessuno, e dubito che sarà disposta a faticare troppo.

 

Una settimana fa, forse un po’ in ritardo, ho telefonato a Zeta perché Sten si preoccupava molto se stavo al sole e c’era in programma un giro in barca a vela. Io ho passato il mese sotto l’ombrellone arancione che vola sempre perché è leggero e si può portare ovunque e sono stata molto attenta alla cicatrice sovraombelicale.

Era il suo ultimo giorno di lavoro. “Dì a Sten che non rompesse le palle.” Ha detto testualmente. Gli ho chiesto di ripeterlo direttamente al maritino apprensivo. “Non rompere le palle.” Ha ribadito. Sten ha provato a chiedergli qualcosa sulla moltiplicazione cellulare che forse aumentava con i raggi solari. E non mi ha voluto dire come Zeta avesse replicato. Comunque da quel momento ero autorizzata, ovviamente con la solita prudenza, a fare quello che volevo.

Nel frattempo però il tempo è cambiato. Temporali, il cielo spesso coperto. In barca però ci siamo andati, una breve veleggiata, mio sorella saldamente al timone, Lula e Sten un po’ scombussolati, Emme contento e io pure.

 

Arrivederci, stavolta chiudo davvero. Fino a settembre.

Annunci

6 Responses to “MARI E MONTI”


  1. 1 pennapiuma 16 agosto 2006 alle 17:18

    Buone vacanze e buone salite, la montagna pulisce dentro e fa buone gambe, ovviamente a me piace più il mare, ma apprezzo il paesaggio e l’aria fresca, sopra lo zero possibilmente.

  2. 2 alice121 17 agosto 2006 alle 09:01

    buona montagna a tutti voi;-) E portati un quaderno che l’alta quota genera idee;-)

  3. 4 zop 29 agosto 2006 alle 14:29

    heyy un salutolo! che settembre è vicino! smak

  4. 5 giorgi 30 agosto 2006 alle 19:33

    Pennapiuma: anch’io sono più marina che montanara, ma poi quando sono lì, mi sembra che non potrei farne a meno.
    Alice: il quadernino l’ho portato, ma ha preso solo aria…
    Grazie, pennastilo, anche se ormai stanno finendo.
    Zop: è vicinissimo, sì, settembre. E siccome sono di parola il post arriverà da Roma, tra un paio di giorni.

  5. 6 PlacidaSignora 30 agosto 2006 alle 19:45

    La mia settimana montana a ferragosto oscillava fra i 5° e i 13°…ma appena usciva il sole, si arrivava a 30 di botto. Vèstiti a strati! :-***


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 182 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: