IL MONDO E’ PICCOLO

Avete presente quando si dice: ma guarda un po’ com’è piccolo il mondo? A me è capitato di dirlo tante volte, dopo aver conosciuto qualcuno che non avevo mai visto prima e aver scoperto, in modo del tutto casuale, che avevamo almeno un’amicizia o un qualunque genere di legame sociale e/o affettivo in comune.

Ma quello che ho scoperto ieri ha davvero dell’incredibile, perché riguarda questo mondo, quello dei bloggers, o della blogsfera (non amo queste definizioni, ma non ne conosco una migliore per definire chi scrive un blog e interagisce con altre persone che scrivono blog), dove le identità non sempre sono rivelate, e l’ambiente comune della rete avvicina esistenze altrimenti molto distanti nella realtà “fisica” o geografica.

Così, quando mia sorella mi ha raccontato quest’episodio sono rimasta sconcertata. Divertita, ma sconcertata.

L’altro giorno G. [un suo amico] si è messo a raccontarle di un suo carissimo amico che fa viaggi pazzeschi e scrive un blog. “Ah, pensa che anche mia sorella scrive un blog” ha detto lei. Lui ha continuato a raccontarle di questa persona, le ha detto come si chiama, dove vive, che lavoro fa, e che avrebbe dovuto assolutamente leggere il suo blog, perché è davvero molto interessante. In quel momento non si ricordava l’indirizzo, però poi le avrebbe mandato il link per posta elettronica. Più tardi mia sorella, come fa abitualmente, è passata da queste parti, ha letto post e commenti, ed è rimasta colpita da quello di un blogger a cui io rispondo chiamandolo per nome (visto che, recentemente, ha scelto di rivelare fragorosamente la propria identità), lo stesso nome dell’amico di G., accennando anche a un suo viaggio. Incuriosita, mia sorella entra nel suo blog. Era lui! Era proprio l’amico del suo amico di cui aveva appena sentito parlare. Ed era una delle prime volte che lui, l’amico del suo amico, mi leggeva e commentava.

Continuando a ripensare a questa curiosa coincidenza sono andata a lezione di Qi Gong, nella piccola sede di una piccola associazione gestita da una simpatica coppia di signori, in una piccola stradina buia raggiungibile dalla strada consolare che porta fuori città, da casa mia.

Prima di iniziare la lezione con il maestro cinese, essendomi accorta che il cognome del lui della coppia era un cognome a me familiare, gli ho chiesto se per caso avesse una qualche parentela con il mio amico che porta lo stesso cognome. “Certo” ha risposto lui, “sono suo zio! Come mai lo conosci?” “E’ il marito di una delle mie migliori amiche, le loro figlie sono come sorelle per mia figlia…” ho risposto io. “Ma com’è piccolo il mondo! Guarda, abbiamo qui sul computer una foto fatta ieri alla festa del mio nipotino, c’erano anche loro!” Eh sì, si vedeva la mia amica, e la mamma del nipotino in primo piano, anche lei una mia vecchia conoscenza di liceo…

Insomma, il mondo è piccolo, piccolissimo. E anche la rete ha le maglie sempre più strette…

Annunci

9 Responses to “IL MONDO E’ PICCOLO”


  1. 1 suxen 7 marzo 2006 alle 12:31

    gia’.
    un sorriso per te

  2. 3 shemale 7 marzo 2006 alle 12:51

    Mi sono dimenticato di chiederti come si chiama tua sorella. Poco male. Lo chiederò a G.
    Baci

    Daniele

  3. 4 Flounder 7 marzo 2006 alle 13:36

    beh, anche io quando ho approcciato daniele mi sono trovata sbalzata in una storia di conoscenze personali.
    forse daniele conosce tutti.
    forse è il centro dell’universo.
    forse è il nostro demiurgo.
    ho paura.

  4. 5 utente anonimo 7 marzo 2006 alle 13:48

    che belle cose però eh? ;))
    OrsaLè

  5. 6 alice121 7 marzo 2006 alle 14:42

    a me piace il mondo quando è piccolo!

  6. 7 giorgi 7 marzo 2006 alle 16:06

    Ciao Suxen, grazie del sorriso.
    Danilo: Che sorpresa!
    Daniele: Indovina indovinello… E se Flounder avesse ragione? Ci arriverai da solo (o tramite G.)
    Flounder: Non mi sembra che abbia la faccia da demiurgo. Non sarà solo che il mondo è davvero tanto piccolo?
    Alice: anche a me piace così.

  7. 8 utente anonimo 8 marzo 2006 alle 18:51

    AMOREVOLE DISATTENZIONE?
    IO TI FACCIO IL POLLO,CARNE BIANCA ADATTA AGLI AMATISSIMI STOMACHINI INFASTIDITI DALLA CHIMICA E SONO DISATTENTO? AMOREVOLE MA DISATTENTO?
    AMO’COTTE’CE VO’ TANTA PAZZIENZA!
    S.

  8. 9 giorgi 8 marzo 2006 alle 19:10

    Scusatelo, ma voleva commentare il post precedente e si è fatto prendere dalla foga, con amorevole disattenzione…
    Sten: ce piaciono li polli l’abbacchi e le galline… Tessoro mio.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 183 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: