RIFLESSIONI SPARSE

Sentendo ieri sera la canzone di Crozza, el proporsional, ieri sera a Rockpolitik, che si concludeva con un “rivoglio Berlinguer”, mi è venuta in mente la discrezione con cui il compagno Enrico si era messo ad ascoltare gli interventi al congresso della sezione del PCI dove lui era iscritto, e dov’era iscritto, nel 1982, il mio ragazzo dell’epoca. Mi raccontavano che faceva sempre così, si sedeva un po’ in disparte, cercando di non intimorire i militanti, e ascoltava. Poco fa invece ho letto questa testimonianza delle violenze alla Diaz durante il G8 a Genova, nel 2001, e mi è tornata su quella sensazione orribile avuta dopo aver letto i giornali, quella mattina di luglio.

 

E continuano ad arrivarmi telefonate, lettere, messaggi, pieni di affetto e partecipazione, e tutti mi marcano stretto, quasi troppo, (poco fa mentre arrivavo in ufficio la mia collega/mamma mi ha telefonato per sapere dov’ero, perché si stava preoccupando. Ma erano solo le 9 e 10, e io prima delle 9 non arrivo mai…), ma lo capisco, lo capisco che Sten la mattina se mi sono già alzata mi rivuole sotto le lenzuola e il piumino caldo e mi abbraccia forte, mi bacia, e se ci fosse tempo farebbe quello che continuiamo a fare felicemente da dodici anni, e lo capisco che la maestra di yoga mi vieta di fare certe posizioni e mi obbliga a farne altre, più tranquille, e figuriamoci se non capisco che mia madre mi telefona per sapere se ho bisogno di qualcosa, e dopo mi confessa su mia sollecitazione che gli psicofarmaci non funzionano poi così tanto, e allora prova il rimedio magico, le ho detto, l’ignazia amara in gocce, sempre lei, la mia droghetta. E figuriamoci se dentro di me non rido quando ieri un collega, inconsapevolmente, di fronte ad un vassoio di dolcetti portati dalla signora delle pulizie che se n’è andata, ha detto “questi sono una botta al fegato”… Ma sì, diamogli una bella botta, al mio fegato, che narcotizzi il mostriciattolo di due centimetri, e poi via, a calci in culo, fuori dalle palle.

Annunci

5 Responses to “RIFLESSIONI SPARSE”


  1. 1 IoBalloSola 11 novembre 2005 alle 11:20

    Non peccare mai è lento
    ma il paradiso è rock

  2. 2 utente anonimo 11 novembre 2005 alle 13:28

    commenti sparsi
    essendo troppo giovane per ricordarmelo di persona mi chiedo se davvero i “leader” di sinistra di un tempo fossero migliori dei nostri. io vorrei tanto che fosse vero. vorrebbe dire che persone così possono tornare
    io lo sgombero della diaz me lo sono ascoltato in diretta da una radio del network di radio popolare, solo a scriverne mi vengono ancora i brividi ripensando alla voce della ragazza che a un certo punto spaventata dice di dover scappare
    cc

  3. 3 utente anonimo 11 novembre 2005 alle 22:10

    GIORGI MIA ADORATA,
    DOMANI NELLA BATTAGLIA SARO’ CON TE.
    E DOPODOMANI COME IERI E L’ALTROIERI MI AVRAI AL TUO FIANCO.
    OGGI TI DICO SOLO, NON AVER PAURA BIMBA MIA MERAVIGLIOSA CHE TUTTO ANDRA’ BENE. CHE VINCEREMO IL MOSTRO E CHE LO PRENDEREMO A CALCI IN CULO.

    TUO STEN

  4. 4 Emme121 12 novembre 2005 alle 23:18

    Ciao bbella,
    vabbe’ vorra’ dire che a Cuba si va l’ anno prossimo, intanto ho scelto il colore della stanza degli ospiti.
    Ammazza il mostriciattolo e baci

  5. 5 giorgi 13 novembre 2005 alle 12:26

    Emme: ma sì, l’anno prossimo, che i mostri a Cuba non ci devono mettere piede. E il colore qual’è?
    Baci a te


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 183 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: