Zapatero, Zapatera

Per chi non fa parte dei 4,5 milioni che ieri sera hanno sopportato tutta la puntata di Rock Politik, pause e prediche comprese, non può assolutamente esimersi dal recarsi sul sito di repubblica e ascoltare il file audio di Zapatero, Zapatera cantato da Maurizio Crozza in veste Gypsy King. La cosa più geniale vista/sentita in televisione in questi ultimi tristi anni di censure, epurazioni, e schifezze varie.

Su tutto il resto è inutile parlare, lo stanno facendo in tanti. Solo due cose: 1) se lorsignori si stanno scaldando tanto, e chiedono una puntata riparatoria significa che qualcosa di buono il molleggiato l’ha fatta. 2) Forse sarebbe stato meglio lasciare anche una quarta sedia vuota, accanto alle tre dove idealmente avrebbero dovuto esserci Biagi, Luttazzi e Grillo.

Sempre VIVA ZAPATERO! Evviva pure Crozza, che ha saputo cantare tutta la malinconica frustrazione del popolo di sinistra. (Prima o poi un vero leader ci sarà, nell’immensità…)

Annunci

5 Responses to “Zapatero, Zapatera”


  1. 1 Loreanne 21 ottobre 2005 alle 18:34

    Di sedie vuote ne occorrevano ben altre ma, tant’è….

    Non l’ho “sopportata” interamente la puntata
    ma, a parte gli eccessi di protagonismo di chi si pone come il nuovo saccente predicatore,
    a parte alcune ovvietà espresse in toni eccessivamente semplici,
    credo che Celentano abbia colpito
    e, come tu dici, lo dimostrano le reazioni scandalizzate.

    Del resto, un po’ di sano idealismo ed utopia,
    restituiscono giustizia alla storture cui ci stanno costringendo, senza possibilità di replica.

    Un saluto

  2. 2 giorgi 22 ottobre 2005 alle 08:34

    La quarta sedia a cui facevo riferimento era quella di Santoro. Non mi è piaciuto, credo che avrebbe avuto un impatto maggiore se anche lui avesse rifutato l’invito.
    Un saluto a te.

  3. 3 utente anonimo 24 ottobre 2005 alle 15:07

    non ce l’ho fatta neppure io.
    dopo crozza ho mollato, divertita.
    ho però pensato che siamo messi maluccio se la lotta per la libertà di manifestazione del pensiero è affidata a celentano..
    oreste docet
    baci ale

  4. 4 melaceleste 24 ottobre 2005 alle 19:03

    E’ vero, Zapatero Zapatera è la fine del mondo.
    Per chi fosse interessato ho trovato qui il testo da leggere e qui l’mp3 da scaricare.

    Ma è troppo desiderare un paese senza polemiche sulla libertà di espressione un giorno sì e l’altro pure?

  5. 5 giorgi 25 ottobre 2005 alle 08:38

    Ale: sì, siamo messi maluccio, poveri noi!
    Mela: non è troppo, ma temo che ancora ne vedremo delle belle.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 184 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: