Vedrai vedrai

Ieri è arrivata la telefonata dalla libreria Altroquando. Sono arrivati i libri. Solo due, per ora. A me interessava soprattutto quello che ha scritto lei. Quando qualcuno che conosci scrive un libro, beh, corri a comprarlo, se non te l’ha già regalato… Così sono corsa in libreria, dovevo solo attraversare il ponte, costeggiare piazza Navona, e ritirare le piccole creature. Ora comincio a scrivere al singolare, perché parlerò solo del libro numero 1. Piccolo formato, copertina grigia, con sopra incollato un quadrato bianco a righe numerate, da 1 a 9. Sulla riga, accanto al numero 1, c’è il titolo: Vedrai vedrai, come la canzone di Tenco. Un titolo che prima non c’era. E adesso c’è, grazie alle tre coraggiose fondatrici della Untitil.Ed.

Sbrigate le formalità di pagamento, sono uscita, ho tirato fuori il libro dalla busta, e l’ho aperto. Sul frontespizio c’è il nome dell’autrice, il nome vero, quello che io conosco da tanto tempo. Alessandra Galetta. Sono andata subito a vedere la dedica (ne avevo scritto qualche giorno fa, della mia passione per le dediche), immaginando di vedere altri nomi familiari, che so, quelli dei figli, o del marito. Invece, tra un elenco di nomi di bloggers, reali o nic, ti vedo il mio. Beh, sembra una cosa scema, mi sono commossa. Poi ho pensato che forse non ero io. Lei mi ha confermato che non era la mia omonima cantante… Poi ho letto il libro. In più riprese, aspettando che Lula uscisse da scuola, nell’ora di danza, la sera fino a tardi. Stamattina non volevo lasciarlo a casa, me lo sono portato in ufficio. Una cosa che non avevo mai fatto. Tra le pile di libri accatastati sulla scrivania avevo fatto posto a quel delicato libricino. Catalogavo un paio di libri, e poi mi prendevo una pausa per leggere un po’. Fino all’ultimo racconto Righe di velluto. Quello di cui avevo letto la prima versione. Non sapevo che l’avrei trovato qui. C’era qualcosa che non mi convinceva, che non convinceva neanche lei. Ne parlammo passeggiando in un bosco vicino casa sua, in Olanda. Quei dubbi sono stati brillantemente risolti. E quel racconto, come gli altri tre, si legge tutto d’un fiato. Sono storie dure, personaggi qualsiasi che si dibattono per liberarsi dalla condanna di quelle esistenze banali, che cercano, disperatamente, di sfuggire al vuoto, agli squali feroci, alla malattia, alle ossessioni da cui sono divorati. E sono scritte con uno stile, alla fine inconfondibile, che segue il ritmo teso degli accadimenti, avviluppandosi qua e là nel groviglio di pensieri che ciascun personaggio cerca, a modo suo, di districare.

109 pagine. Da leggere. Anche se non mi fossi trovata lì, tra i dedicati, avrei scritto queste cose. Ma lei lo sa.  

Annunci

3 Responses to “Vedrai vedrai”


  1. 1 alice121 7 ottobre 2005 alle 08:13

    questo e’ uno dei casi in cui Alice lo sa:-)Avrei voluto spedirtene una copia, davvero. Ma le sto regalando a chi mi guardera’ i ragazzi quando saro’ a Milano. Sperando che non pensino: oltre al danno anche la beffa:-))

  2. 2 giorgi 7 ottobre 2005 alle 08:28

    Alice sa anche che scherzavo? Perché non è mai stato così carino, emozionante, ordinare e andare a comprare un libro. Se me l’avessi regalato non avrebbe avuto lo stesso impatto. Una tappa a Roma non ci scappa?

  3. 3 alice121 7 ottobre 2005 alle 09:06

    no, e’ gia’ complicato cosi’…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Scriverne fa bene

Come una funambola

Clicca per ordinarlo

Oltreilcancro.it

Associazione Annastaccatolisa

wordpress visitors

Archivio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 183 follower

Cookie e privacy

Questo sito web è ospitato sulla piattaforma WordPress.com con sede e giurisdizione legale negli USA. La piattaforma fa uso di cookie per fini statistici e di miglioramento del servizio. I dati sono raccolti in forma anonima e aggregata da WordPress.com e io non ho accesso a dettagli specifici (IP di provenienza, o altro) dei visitatori di questo blog. È una tua libertà / scelta / compito bloccare tutti i cookie (di qualunque sito web) tramite opportuna configurazione del tuo browser. Il mio blog è soggetto alle Privacy Policy della piattaforma WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: